Sorteggio Viareggio Cup: il girone della Sampdoria.

Si è svolto nella Sala di Rappresentanza del Comune di Viareggio il sorteggio degli 8 gironi della 72a Viareggio Cup che si terrà dal 16 al 30 marzo 2020. Saranno 32 le squadre al via del Torneo riservato da quest’anno alle formazioni Under 18.

Presenti, oltre al presidente del Centro Giovani Calciatori Alessandro Palagi, il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro, il consigliere regionale della Figc-Lnd Toscana Giorgio Merlini e Eugenio Fascetti, già giocatore della selezione versiliese che prese parte all’edizione del 1954.

La presentazione ufficiale è fissata per lunedì 9 marzo al Gran Teatro Giacomo Puccini di Torre del Lago.

Questi i raggruppamenti:

Gruppo A *

Girone 1: Bologna, Newell’s Old Boys (Argentina), Sassuolo, Carrarese

Girone 2: Inter, A.P.I.A. Leichhardt (Australia), Parma, Alex Transfiguration (Nigeria)

Girone 3: Roma, Mettas Riga (Lettonia), Livorno, Pescara

Girone 4: Sampdoria, Aarhus (Danimarca), Spezia, United Youth Soccer Stars (Stati Uniti)

Gruppo B **

Girone 5: Atalanta, Atlantida Juniors (Uruguay), Spal, Tiki Taka Academy (Nigeria)

Girone 6: Fiorentina, Atromitos (Grecia), Genoa, Westchester United (Stati Uniti)

Girone 7: Torino, Rayo Vallecano (Spagna), Empoli, Cosenza

Girone 8: Milan, Botafogo (Brasile), Rappresentativa Serie D, Euro L.I.A.C. New York (Stati Uniti)

* Le partite del gruppo A si disputeranno lunedì 16, mercoledì 18 e venerdì 20 marzo

** Le partite del gruppo B si disputeranno martedì 17, giovedì 19 e sabato 21 marzo

“Gli Ultras nei quartieri”: questa sera tappa a Palmaro. Tutte le info.

Gli Ultras nei quartieri “l’iniziativa volta a promuovere la partecipazione in maniera attiva, mediante delle riunioni nei vari quartieri della città, per quel che concerne la vita del gruppo, nei confronti di chi nel gruppo stesso si riconosce ma ancora non lo vive in maniera attiva”, vede come luogo d’incontro questa sera alle ore 21.00 il Sampdoria Club Palmaro.

Ecco la locandina

Yoshida: “Bello stadio e grande tifo. Sono pronto a giocare, spero di farlo a Milano”.

Yoshida, Il difensore giapponese, è rimasto impressionato da Marassi: «Bello stadio e grande tifo. Aspetto un’occasione, sarebbe il massimo giocare a San Siro» .

Il difensore anche domenica scorsa è passato in mixed zone per salutare i connazionali e scambiare con loro qualche riflessione: «Il primo impatto con il Ferraris è stato ottimo è uno stadio fatto per il calcio, mi ricorda quelli inglesi. Ci sta tanta gente, i tifosi della Sampdoria sono molto vicini alla squadra, la incitano per tutta la partita».

«Sono pronto a giocare e speravo che arrivasse l’occasione, ma… continuo ad aspettare la mia occasione preparandomi bene negli allenamenti. Questo vale per tutti e per tutte le situazioni, impegnarsi è l’unico modo di ottenere le occasioni».

Nel frattempo Yoshida, come scrive il Secolo XIX,  ha trovato casa a Genova. Dopo avere visitato un po di appartamenti in zona Nervi, «per stare vicino a Gabbiadini», alla fine ha trovato l’abitazione giusta a Quinto, di fronte al mare. E continua il suo processo di acclimatamento alla Samp, all’Italia e alla Serie A: «Le parole che usiamo in campo non sono così tante e sto imparando da quelle. La maggior parte ormai le capisco, e mi sto impegnando per assimilarle e comunicare efficacemente con i compagni in campo».

C’è già un dettaglio del nostro calcio che lo ha colpito: «Bisogna fare attenzione, perché gli attaccanti tendono parecchio a buttarsi per terra. In Premier League succede molto meno…». Domenica Yoshida proverà l’emozione di ritornare a San Siro. La prima volta non era stata felice, una sconfitta in Europa League con il Southempton proprio contro l’Inter: «Giocare lì sarebbe una grande soddisfazione per me. San Sito è uno degli stadi più famosi nel mondo e ”l’Inter è una grande squadra. Sarebbe la seconda volta, però sarà diversa l’atmosfera, tra una gara di campionato e una di Coppa c’è differenza».

Oggi ripresa degli allenamenti, Ranieri alla ricerca degli equilibri tattici e mentali.

Oggi pomeriggio riprendono gli allenamenti e Claudio Ranieri dovrà rimettere insieme i cocci della sua Sampdoria dopo la disfatta contro la Fiorentina, ritrovare e ricreare equilibri tattici e mentali che le consentano di superare lo shock e di affrontare la trasferta in casa dell’Inter. Sulla carta priva di speranze.

I problemi, come scrive il Secolo XIX,  coinvolgono tutti i reparti. Audero è ancora all’inseguimento di se stesso. Il preparatore dei portieri Lorieri sta facendo un gran lavoro sul numero 1 blucerchiato e Ranieri nutre una grande fiducia nelle qualità dell’italo-indonesiano. La quarta rete della Fiorentina, quella respinta imperfetta sfruttata poi da Vlahovic, è ancora figlia del periodo difficile che Audero sta attraversando. Davanti a lui c’è il caso Colley. Le sue distrazioni, i suoi cali di concentrazione, stanno diventando ricorrenti. Troppo. E non solo in difesa. Le tre reti che si è letteralmente fumato davanti a Dragowski gridano vendetta. Ranieri continua a nutrire fiducia anche nelle sue qualità, ma la presenza alle sue spalle di un veterano come Yoshida se non può diventare stimolante può certamente diventare ingombrante. Ranieri è un pragmatico, pensa giustamente a salvare la Sampdoria senza fare troppi calcoli. E allora anche un investimento da 9 milioni come Colley e destinato a essere trasformato in plusvalenza può sedersi un paio di gare in panchina. Se può essere la scelta migliore per la squadra. Leggi tutto “Oggi ripresa degli allenamenti, Ranieri alla ricerca degli equilibri tattici e mentali.”

Sampdoria- Fiorentina: top e flop

Debacle al limite del tragico quella dei blucerchiati, che davanti ad un meraviglioso pubblico si vedono sommersi dalla Fiorentina in una partita compromessa già dopo pochi minuti dal fischio d’inizio.

Sampdoria:
Flop: Colley: orrenda prestazione del gambiano, che oltre alle ormai solite amnesie difensive non riesce a convertire un paio di ottime occasioni da rete che nel finale del primo tempo avrebbero potuto riaprire la gara. Merita di stare seduto per ritrovare lucidità

Audero: sul primo rigore è bravo ad intuire ma sfortunato perché il pallone carambola lo stesso in fondo alla rete. Grave l’errore sul quarto gol dove fornisce a Vlahovic il più comodo degli assist. Netta la differenza con il quasi coetaneo Dragowski, più volte decisivo e che dimostra l’importanza di portiere affidabile.

Ramirez: a Torino l’aveva ribaltata lui, qui è decisivo al contrario. Commette una grossolana ingenuità allargando le braccia nell’occasione del rigore che di fatto indirizza la sfida. Nella ripresa ha qualche buona intuizione ma manca quella decisiva.

Fiorentina:
Top: Chiesa: prestazione a tutto tondo quella del classe 97′, che mette timbra il cartellino per ben due volte oltre a cogliere due pali ad Audero battuto. Con l’arrivo di Iachini il suo rendimento è in continua crescita. Imprendibile

Vlahovic: vince il ballottaggio con Cutrone ed è protagonista di 3 dei 5 gol finali di cui due portano la sua firma. Non sono tanti i classe 2000′ che a poco più di metà stagione hanno la sua media realizzativa.

Dragowski: nonostante il risultato già acquisito rimane attento e salva in almeno 3 circostanze a cavallo tra primo e secondo tempo respingendo qualsiasi velleità di rimonta. Capitola solo nel finale su Gabbiadini il cui colpo di testa è pressoché imparabile. Sicurezza

Volpi e Fiorani puntano alla Samp ed ai cinema. Possibile incontro con Vidal

Il mondo finanziario intanto spinge sul duo Volpi e Fiorani, quest’ultimo gestisce la Pro Recco e lo Spezia. Sull’interessamento di Volpi avevamo già parlato (clicca QUI), e da quello che era emerso la presenza di Fiorani non sarebbe stata sicura visto i suoi molteplici impegni.

Stamattina il Secolo XIX, rilancia che Fiorani attraverso l’ok di Volpi potrebbe comprare i crediti che ha la società Marte spv, del gruppo svedese Oyster, senza contrattare direttamente con Ferrero, visto che la suddetta società è la creditrice numero uno dei crediti di Eleven Finance . In questo modo chiederebbe, prima del concordato preventivo in pegno la Sampdoria. Invece da Roma, si parla di un possibile confronto Vidal – Fiorani e Volpi per l’acquisizione totale di 100 milioni per i cinema e della Samp.

Sampdoria: assemblea dei soci il 6 marzo, saranno confermati tutti i consiglieri.

Si è tenuto nel tardo pomeriggio di oggi, in video conferenza, il CdA della Sampdoria che ha fissato la prossima assemblea dei soci per venerdì 6 marzo a Roma. In quella data verranno riconfermati tutti i consiglieri. Resterà nel CdA anche l’avvocato Romei, in attesa della scadenza naturale dello stesso a fine marzo. Dopo quella data, Antonio Romei potrebbe rimanere all’interno del CdA ma con una qualifica diversa rispetto alla vice presidenza attuale.
Dimissionario il vice presidente vicario Fiorentino.

Lo riporta Telenord

Marco Masini: “La Sampdoria un avversario modesto, mi sono divertito davvero tanto”.

Masini ha commentato ai microfoni di Radio Bruno il successo viola al Ferraris:

“Ieri mi sono divertito davvero tanto, perché non capita di vedere cinque gol tutte le domeniche. La squadra però non si deve esaltare troppo, la Sampdoria era obiettivamente poca cosa. La squadra ha giocato contro un avversario modesto. La Fiorentina fortunatamente è piena di giovani con grandi prospettive l’anno prossimo potrà schierare anche un giocatore del calibro di Amrabat”.

foto TMW

Corrado Tedeschi: “La regola dei falli di mano è allucinante. Non si può fischiare tutto”.

Corrado Tedeschi, conduttore televisivo e tifoso della Sampdoria, ha parlato  a Radio Sportiva il giorno dopo la sconfitta della Sampdoria contro la Fiorentina:

“Un lunedì nero quello di oggi. Ieri abbiamo preso tre gol senza subire un tiro verso la porta di Audero. Per assurdo non abbiamo nemmeno giocato così male, ma la regola dei falli di mano è allucinante. Non si può fischiare tutto. Dovremo soffrire fino alla fine: chiaramente anche la situazione societaria non aiuta. Ranieri è il miglior allenatore che si possa chiedere in una situazione del genere”.

credit Nadia Pastorcich

Nicolini: “Gara anomala, difficile commentare. Ramirez croce e delizia”.

Nicolini ai microfoni di Radio Sportiva ha rilasciato le sue impressioni sulla sfida di ieri contro la Fiorentina.

Ecco le sue parole:

“Weekend molto negativo alla luce delle vittorie di Genoa e Lecce. Ieri gara anomala nel suo sviluppo, diventa difficile commentare quando vai sotto dopo venti minuti su autorete e due rigori. La Fiorentina è stata brava a capitalizzare le occasioni concesse, la Sampdoria deve girare pagina. Ranieri ha esperienza e mestiere, sa quando dare un colpo al cerchio e quando darlo alla botte, sa come uscire da una situazione difficile come questa, anche se servirà una mano dall’ambiente per fare quadrato”

Su Ramirez: “Croce e delizia. Campionato ancora incerto, mai gasarsi né deprimersi”.

Garrone: “anni fa abbiamo fatto una scelta, non cambiamo idea”

Domanda: la Samp è stato un grande amore di famiglia, lo è ancora o la segue ancora da tifoso?

Risposta:”La Sampdoria è ancora un grande amore di famiglia, ma solo come tifoso. Alcuni anni fa abbiamo fatto una scelta e non cambiamo idea”

Intervista rilasciata a “corriere economia”

Ferrero: “tanto rumore per nulla. Chiedo di non destabilizzare”

“Non solo la società è solida ma abbiamo tutti i piedi ben piantati per terra. C’è stato tanto rumore per nulla: si è solo dimesso un consigliere per motivi personali. Faccio un appello: state vicini alla squadra e chiedo a tutti di non destabilizzare l’ambiente.” Così il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero con una nota inviata a Telenord ha fatto chiarezza sulla situazione societaria. Le dimissioni di Paolo Fiorentino dal ruolo di vice presidente vicario avevano creato numerose preoccupazioni tra i tifosi già prima della sconfitta con la Fiorentina. In attesa di capire come sarà ricomposto il CdA della società, l’invito del presidente blucerchiato è quello di mantenere la calma e focalizzarsi su un obiettivo comune e fondamentale: la salvezza della Sampdoria.

Telenord

Borderline Sampdoria: dal mancato comunicato al silenzio totale sulle dimissioni del CdA.

Continua la completa assenza di comunicazione da parte della società. Nemmeno una parola da parte del sito ufficiale, non un comunicato, non una parola di chiarimento su quanto accaduto nei giorni scorsi.

Le polemiche derivate dall’uscita della notizia della caduta del CdA prima di una partita fondamentale potevano essere evitate se i responsabili addetti alla comunicazione non avessero fatto trapelare la notizia. Comunque sia certe notizie devono uscire dalla società e non attraverso soffiate alla stampa.

I tifosi hanno il diritto di sapere cosa succede all’interno alla società.

Ci auguriamo che oggi dopo questa mini consultazione ci sarà almeno un comunicato che chiarirà quanto sta accadendo.

Situazione borderline, al limite dell’assurdo.

Fiorentino – Twitter