Vialli: 4 giorni per meditare sul suo futuro e sulla Samp

Saranno quattro i giorni durante i quali Luca Vialli mediterà sul suo futuro per decidere cosa fare. Le opzioni non sono solamente due, sono tante.

Quello che interessa di più ai tifosi della Samp, ovviamente, è capire se il ritiro è definitivo o c’è la possibilità di un ritorno sulla trattativa.

Questo lo si saprà dopo questi quattro giorni e già da oggi si potrà capire qualcosa. Vialli non ha mai parlato della trattativa perché era in corso, molti si chiedono se lo farà ora; conoscendo il suo carattere non vorrebbe mollare ma ora bisogna vedere oltreoceano come sono gli animi.

La Samp, come hanno riferito i maggiori giornali specialisti del settore, è stata valutata il giusto, Ferrero, con tutte le difficoltà, non ha accettato la proposta (riferita al telefono a Vidal) che è stata rigettata immediatamente.

Il gruppo Vialli avrebbe investito una cifra per risanare la Samp attorno ai 150 milioni complessivi e una buona uscita a Ferrero di 55 milioni circa. Il resto è debito e aumento di capitale per il futuro. Sono giorni duri questi, per noi e per i tifosi, il sogno sembra sia svanito, ma il calcio riserva sempre delle sorprese.

Se Ferrero facesse una mossa attraverso un mediatore, Garrone che ha fallito in questo, ma potrebbe riprovarci, oppure qualcuno dentro alla Samp, i cui nomi potrebbero essere quelli di Fiorentino o di Romei sparito dai radar da un bel po’, e nel caso in cui Vialli non avesse fatto un’altra scelta, bisognerà vedere se gli investitori troveranno la Samp ancora appetibile.

L’unico artefice del futuro della Samp come abbiamo sempre detto è Ferrero, che è sempre più solo, però dobbiamo ricordarci chi lo ha portato lì, in primis Romei , come ammissione di Garrone, e poi lo stesso Garrone che si è fidato. Ora è il momento del paracadute e di ricucire il possibile.

La speranza c’è ma i fattori da capire saranno due, per prima cosa bisognerà vedere se Ferrero inizierà a ragionare sulla reale situazione della Samp sotto tutti i punti di vista, seconda cosa si dovrà capire se la cordata Vialli è rimasta con la volontà di continuare a trattare. Qualcosa ce lo potrà dire l’atteggiamento di Vialli dopo questi quattro giorni in Nazionale, nel corso dei quali ci auguriamo che l’amico Mancio sappia consigliarlo bene.

Sì, c’è ancora un minimo di speranza che da qua a fine anno si possa riaprire,  ma tutto passa ancora una volta dalle mani di Ferrero, lo ripetiamo ora tocca a lui e  a chi lo ha agevolato.

Nel frattempo siamo sempre in attesa di vedere su chi cadrà la scelta dell’allenatore, perché a questo punto servono assolutamente punti e giocatori con grinta.

Produzione riservata Sampgazzetta

Una risposta a “Vialli: 4 giorni per meditare sul suo futuro e sulla Samp”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *