Sampdoria-Udinese: top e flop

Ossigeno. Difficle trovare un altro modo per descrivere i 3 punti conquistati dai blucerchiati contro l’Udinese. Dopo un primo tempo di sofferenza culminato con la magia di Gabbiadini nel recupero, i ragazzi di Ranieri hanno cambiato marcia nella ripresa, complice l’espulsione di Jajalo, riuscendo a portare a casa una vittoria che li allontana finalmente la zona retrocessione.

Sampdoria

Top: Gabbiadini: c’è nuovamente la sua firma nella seconda vittoria casalinga stagionale. Si fa perdonare la devizione imprecisa sotto porta con un autentico capolavolo su punizione che manda negli spogliatoi il Doria sull’1 a 1. Ci riprova nella ripresa sempre da fermo chiamando alla risposta Musso. In generale dà la sensazione  di poter creare qualcosa di pericoloso ogni volta che calcia.
Ramirez: schierato un pò a sorpresa dall’inizio, coglie un clamoroso palo di testa dopo pochi minuti su cross di Jankto. Corona una prestazione di grande sostanza prendendosi la reponsabilità di calciare e segnare un rigore pesantissimo che vale tre punti. Imprescindibile in questo momento la sua qualità.
Flop: Jankto: ci si attendeva una grande partita contro la sua ex squadra e cosi non è stato. Sbaglia molti appoggi e non riesce mai ad essere pericoloso dalle parti di Musso. Pare non essere finita la preoccupante involuzione iniziata dal suo arrivo in maglia blucerchiata.
Udinese
Top: Nestorovski: Trova il suo primo gol in campionato ,complice anche la deviazione di Colley, dopo essersene visto annullare uno in precedenza per fuorigioco millimetrico. Tiene alta la pressione sui portatori di palla doriani fino all’espulsione, dopo la quale il baricentro della squadra fisiologicamente si abbassa.
Flop: Jajalo: Commette una terribile ingenuità quando si becca il secondo giallo per una fallo in ripartenza su Ramirez. Errore grave che sposta una gara fin li in equilibrio dalla parte dei blucerchiati.
Ekong: Macchia una partita fin li attenta quando colpisce in area Quagliarella provocando il rigore decisivo e condannando i suoi alla prima sconfitta sotto la guida di Gotti. Irruento