Pagliuca: “Ricordo il derby della carta igienica, ma anche i nostri non erano certo teneri. Audero uno dei migliori della sua generazione”.

«Ai miei tempi — racconta ai taccuini del Secolo XIX Gianluca Pagliuca, l’ex portiere blucerchiato di Wembley (1992) e dello scudetto — quando andavo sotto la gradinata Nord mi preparavo psicologicamente. Subivo insulti a non finire, in una gara così è normale. Devi essere molto bravo a isolarti e a non farti condizionare. Ricordo il derby della carta igienica quando dalla Nord piovevano rotoli per innervosirmi ma anche i nostri della Sud non erano certo teneri con Braglia…».

E sui portieri di domani: «Audero l’anno scorso ha fatto molto bene ma il primo anno è più facile perché ti viene perdonato qualche errore — conclude Pagliuca — ora viene un po’ criticato, ma a mio giudizio è uno dei migliori della nuova generazione. Radu è molto reattivo, bravissimo tra i pali, Deve migliorare nelle palle inattive. Hanno ampi margini di miglioramento tutti e due».

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: