Caso Obiang: oggi il GUP deciderà sul rinvio a giudizio, ma Ferrero non si presenterà in aula.

Non sarà presente in aula oggi Massimo Ferrero ( lo riporta il Secolo XIX) per le accuse a lui rivolte, insieme ad altre persone tra cui la figlia Vanessa, il nipote Giorgio e due manager, Marco Valerio Guarcino e Andrà Diamanti.

La ricostruzione e le accuse
L’accusa: “Il pm Maria Sabina Calabretta e il procuratore aggiunto Rodolfo Sabelli accusano Ferrero e la figlia di essersi appropriati “indebitamente delle somme accreditate con bonifico estero” per la vendita il 17 giugno 2015 del calciatore Pedro Obiang, per un totale di 1.159.000 euro, “con le aggravanti – scrivono gli inquirenti – di aver cagionato alla Uc Sampdoria spa un danno patrimoniale di rilevante entità e di aver commesso il fatto abusando di relazioni d’ufficio”.

La ricostruzione : L’indagine svolta dalla Gdf, coordinata dal procuratore aggiunto Rodolfo Sabelli e dal sostituto Maria Sabina Calabretta, il 28 novembre portò al sequestro di beni per circa 2,6 milioni. Il tribunale del Riesame, circa un mese dopo, ha parzialmente annullato quel decreto disponendo la restituzione dei beni agli indagati. Nella richiesta di rinvio a giudizio è scritto che Ferrero e la figlia “per procurare alla società Vici srl un ingiusto profitto, si appropriavano indebitamente di parte delle somme accreditate con bonifico estero” per la vendita (17/6 2015) del calciatore Obiang, per oltre un milione.

Gli avvocati di Ferrero in questo processo sono Luca Ponti e Giuseppina Tenga.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: