Cessione: la Famiglia Krause era interessata alla Samp. Operazione ritenuta “complicata “

Il “clamoroso” retroscena lo svela il Secolo XIX, e lascia non poco con l’amaro in bocca.

Infatti la famiglia Krause che sta definendo l’acquisto del Parma proprio in queste ore dopo l’abbondono della trattativa da parte degli Al Mana, avevano valutato anche la Sampdoria.

Indirizzarti dall’ intermediario italiano (pare con un passato da dirigente calcistico) al quale si sono appoggiati. Perché proprio Samp e Parma? perché la base italiana della famiglia con interessi in vari settori (fatturato circa 2,5 miliardi di euro all’anno) è in Piemonte, Langhe e Roero. Quello che fa più “clamore” possiamo dire è il motivo per il quale con la Samp non c’è stata una vera e propria trattativa. Infatti la candidatura della Samp è stata bocciata in fase preliminare. Da quanto si apprende, zero contatti con Vidal e Ferrero. Il rischio che non voleva correre la famiglia Krause, era quello di infilarsi in una trattativa estenuante (si sono informati sulla vicenda “gruppo Vialli” e condizioni ritenute da Krause fuori mercato. E confrontando i due bilanci, stima di investimenti da compiere decisamente superiore per la Samp rispetto a quelli che avrebbe richiesto al Parma.

Le cifre dell’operazione Parma sono di 68 milioni per la prima tranche (60% delle azioni).

Costo totale del Parma per la famiglia Krause sarà di 85 milioni debiti inclusi per l’acquisizione completa. E non è un dettaglio.

Quindi come avevamo scritto pochi giorni addietro trova conferma che Ferrero mira a cifre ben più alte nonostante una situazione allarmante e soprattutto, quello che fa pensare che in un periodo dove sarà sempre più difficile trovare acquirenti per la crisi portata dal Covid, la Famiglia Krause ha rinunciato anche per via del prezzo finale che a questo punto per acquistare la Samp è superiore a 85 milioni.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: