Cessione Sampdoria: Rosan è la trust, Ferrero punta a coprire altri debiti.

Il secolo XIX , ha portato alla luce nuove importanti notizie:

” Si chiama “Rosan” il trust costituito da Gianluca Vidal (attraverso la Trust service srl uninominale, nata il 13 novembre), su disposizione della famiglia Ferrero, dove sono confluite dal 18 novembre il 100% delle quote di SportSpettacolo, controllante della Sampdoria.

Significa che da quasi due settimane anche la società blucerchiata ha legalmente un nuovo titolare o proprietario nominale. Una situazione unica per la Serie A. L’advisor Vidal è però esclusivamente un custode della quota, ma senza potere influire sulle decisioni di SportSpettacolo, che rimane autonoma e il cui organo amministrativo invece decide la sorti di Sampdoria. In termini di governance cioè ad oggi nulla è cambiato.Vidal ne sarà il “trustee”.

Il fine, come si legge sul verbale dell’assemblea di Holding Max, la capogruppo della “piramide Ferrero” del 17 novembre (presenti Vanessa e Giorgio Ferrero e per delega il socio al 4,76% schermato da Pkb) di cui Il Secolo XIX è in possesso, è «giungere alla cessione sul mercato ed utilizzarne il prezzo incassato». Per «in primis estinguere ogni debito di Holding Max stessa». E con il residuo: «Garantire con apporto di finanza esterna tre procedure concordatarie», Eleven Finance, Farvem e Abaco 101 (multisala a Padova). Nonché per prevenire per queste tre società «nonché per le fallite Ellemme Group, Blu Cinematografica, Blu Line, Maestrale, l’esperimento di azioni di responsabilità giudiziarie compresa la rinuncia ad ogni pretesa sia in sede civile che penale nei confronti di Giorgio, Vanessa, Massimo, Michela Ferrero». Per la cronaca tutte situazioni antecedenti (e quindi conosciute) all’arrivo di Ferrero in Sampdoria, nel giugno 2014. E tutto ciò, «fino al limite di spesa di 33 milioni». La somma che garantirà l’apporto di finanza esterna ulteriore in aggiunta alla vendita dei beni (immobili) che stanno invece dentro i piani concordatari di Eleven, Farvem e Abaco. Da ricavare dalla cessione di SportSpettacolo (e quindi della Samp) entro 30 mesi dall’omologa del Piano.

Sempreché venga accettato dal giudice e dall’adunanza dei creditori. Se respinto, si aprirebbero nuovi e complessi scenari. Trenta mesi che nello stesso tempo potrebbero consentire a Ferrero anche di provare a trovare soluzioni che gli consentano di tenersi la Samp. L’ennesima conferma di come la cessione della Samp sia la garanzia della famiglia Ferrero, che da quanto emerge oltre a Eleven e Farvem deve confrontarsi anche con altre procedure. E una parte dei soldi saranno appunto utilizzati anche per mettersi al riparo da eventuali contestazioni sulle gestioni aziendali, che potrebbero muovere creditori o giudici. Advisor legale, l’avvocato Luca Ponti. Ci sarà poi un “Guardiano Principale”, che deve agire contro Vidal in caso di mancato adempimento, prossimamente nominato dai Ferrero.

Dall’atto istitutivo del Trust emergono altri dettagli. Del corrispettivo eventualmente incassato, «7,5 milioni viene immediatamente corrisposto al beneficiario», a garanzia di impegni e debiti di bilancio di Holding Max. Il Trust è regolato dalla legge di Jersey, Canale della Manica. -“

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: