Accadde oggi: 14 luglio1993 arriva Ruud Gullit alla Samp. Uno spirito libero con le treccine

Ruud Gullit è una delle icone del calcio europeo a cavallo tra gli anni ottanta e novanta. Di lui si ricordano, le vittorie, i colpi di testa, il sorriso e la schiettezza.

Non poteva passare inosservato con il suo fisico possente e le treccine, con la sua stazza riusciva sempre a sovrastare l’avversario e il gol era la naturale conclusione.

Credit: Allsport UK

Gullit, nato ad Amsterdam nel 1962, tira i primi calci nei dilettanti olandesi dei Meer Boys, esordisce nei professionisti con l’Haarlem nella stagione 1979/80, dove rimane tre stagioni (91 presenze e 30 gol) prima di passare al Feyenoord con cui dal 1982 al 1985 disputa altre tre stagioni collezionando 85 presenze e 30 gol nella Eredivisie olandese, vincendo uno scudetto e una Coppa d’Olanda nel 1984. Approda al PSV Eindhoven nel 1985/86 dove in due stagioni si impone alla scena internazionale con 68 partite e ben 48 gol in campionato (uno “score” da cannoniere), vincendo due scudetti e entrando a far parte della Nazionale olandese.

Al Torneo Gamper di Barcellona attira l’attenzione di un certo Nils Liedholm, che di lui dice: «È come Falcao». Nel 1986 è lo svedese a consigliare a Silvio Berlusconi di comprarlo «Un grande, possente atleta, può giocare in tutti i ruoli. Può fare il libero e il centravanti».

Leggi tutto “Accadde oggi: 14 luglio1993 arriva Ruud Gullit alla Samp. Uno spirito libero con le treccine”

Buon compleanno a Vincenzo Montella! Ripercorriamo i suoi anni alla Samp

Tanti auguri a Vincenzo Montella!

Vincenzo è nato a Pomigliano d’Arco il 18 giugno 1974 da un papà operaio dell’Alfasud S.p.A. e mamma casalinga, A 13 anni viene selezionato dall’Empoli, dove si afferma ben presto grazie alla tecnica elaborata in anni di “studio” e alla rapidità con cui irrompe nell’area di rigore, spesso risolvendo in questo modo le partite. La frattura del perone e una successiva infezione virale lo fermano per quasi tutta la stagione 1992-93.

Il vero lancio per la sua carriera arriva l’anno dopo con il Genoa, è proprio in quell’anno che prende vita uno dei tratti distintivi del “personaggio” Montella, il simpatico e pittoresco “aeroplanino” che il goleador si mette a mimare correndo per il campo ogni volta che un suo tiro finisce in porta. Il “battezzo” di questa divertente pratica è registrata in un derby contro la Sampdoria, la squadra che lo accoglierà la stagione successiva, dopo la promozione in serie A.

All’esordio in maglia blucerchiata, il 28 agosto 1996 nel derby di Coppa Italia proprio contro il Genoa, è autore di una doppietta. I primi gol in A arrivano il 21 settembre 1996, alla terza giornata, in Roma-Sampdoria, con il ventiduenne attaccante che mette a segno una doppietta che contribuisce alla vittoria contro la sua futura squadra. Alla prima stagione coi doriani, Montella segna 22 gol in 28 partite.  miglior risultato di sempre da parte di un esordiente italiano in massima serie, chiudendo secondo nella classifica cannonieri dietro all’atalantino Filippo Inzaghi,  anche  per merito, è bene sottolinearlo, della sua spalla dell’epoca, l’altro campione che risponde al nome di Roberto Mancini.

Nella stagione 1997-1998 Montella rimane sugli stessi livelli, siglando 20 gol in 33 partite, tra cui la tripletta del 21 dicembre 1997, la prima in Serie A, nel 6-3 contro il Napoli. Nonostante l’ottima annata e 42 gol in 61 gare in Serie A non riesce a far parte della rosa azzurra guidata da Cesare Maldini per i campionati del mondo in Francia.

Leggi tutto “Buon compleanno a Vincenzo Montella! Ripercorriamo i suoi anni alla Samp”