Probabilmente sarà il commercialista Gianluca Vidal l’uomo chiave per dare una svolta alla trattativa per la cessione della Sampdoria

Ferrero ha individuato in Gianluca Vidal l’uomo che d’ora in poi (nei prossimi 7/10 giorni si suppone) si occuperà di parlare con la cordata Dinan-Vialli.

Vidal è un commercialista molto esperto di trattative di acquisizione e cessione di Società. Da quello che si può trovare in rete e pubblicato anche sul Sole 24 Ore, di solito si occupa di Società che sono in difficoltà o in procinto di cambiare proprietà, dal 12 Aprile 2018 è entrato a far parte del Consiglio di Amministrazione della Green Energy Power S.p.a.

Da quello che abbiamo saputo, Vidal, ha fatto breccia su Ferrero per i suoi modi a New York durante gli incontri con Dinan, di conseguenza l’avvocato Romei è stato tagliato fuori dalla trattativa e l’atteggiamento di tensione non è passato inosservato domenica in tribuna.

La trattativa intanto prosegue, molti indizi lo fanno capire, prima di tutto il silenzio di Vialli che per noi, Mantovani, e altre persone che conoscono bene Gianluca è sinonimo di parola.

E’ difficilissimo invece, da parte di chiunque, riuscire a capire qualcosa da parte di Ferrero, visto che ha chiuso completamente i canali con la stampa, almeno fino a questo momento.

Leggi tutto “Probabilmente sarà il commercialista Gianluca Vidal l’uomo chiave per dare una svolta alla trattativa per la cessione della Sampdoria”

Rebus cessione : I legali di Vialli incontrano Ferrero. Aquilor perde un investitore e cerca una opzione comune.

Questa volta è Ferrero ad avere fretta per via di una disorganizzazione interna sempre più allarmante.

Infatti a Giugno ci sono pagamenti di rate e mutui che si aggirano intorno ai 40 milioni di euro, parleremo della situazione debitoria nei prossimi giorni.

Questa situazione ha portato il numero 1 della Samp a chiedere un incontro con Vialli e i suoi investitori.

Nello stesso tempo Aquilor ha richiesto a Vialli di incontrarlo e proporgli un ruolo nel caso Ferrero decidesse il gruppo inglese come suo sostituto nel pacchetto azionario. Come già detto Aquilor è solo un tramite per investitori e in questa fase della trattativa agisce come scatola per inglobare le offerte.

L’idea non convince del tutto Vialli sempre se non venga fatto entrare nella coordata uno tra knaster e Dinan.

La richiesta di Aquilor è dovuta perché uno dei principali investitori si sarebbe ritirato e non garantirebbero i soldi promessi a Ferrero.

Insomma una situazione delicata e scelte che devono essere fatte con moderazione.

Se Ferrero rimanesse a capo della società blucerchiata avrà conti salati da pagare la prossima stagione e ci sono soprattutto anche alcune rate non estinte verso Edoardo Garrone quando cedette la Società a titolo gratuito e con garanzie bancarie per i primi tre anni delle quali non sono state saltate o rimandate

Da parte degli acquirenti c’è volontà di chiudere prima di Samp VS Juve da entrambe le parti, nel caso i tempi si allungassero si “userà” l’attuale società come tramite per le prime mosse di mercato.

Ferrero deve decidere a giorni perché le offerte sono sulla scrivania non da poco, Vialli ha messo ancora una volta l’acceleratore a quanto sembra e Aquilor è tentato di inglobare la situazione e mettere la parola fine alla vicenda.

Aspettiamo fiduciosi comunicati che possono venire solo dalla UC Sampdoria e nel caso di ritiro di scena dallo stesso Vialli ed Aquilor che al momento noi giornalisti, nonostante le richieste di un’ammissione della trattativa si sono trincerati.

Non vogliamo entrare in merito alle notizie riportate dai quotidiani genovesi.

Produzione riservata di sampgazzetta.it.

L’articolo può subire variabili e in continuo aggiornamento.

15 Maggio

13:54

Situazione societaria: Inizia il conto alla rovescia per tutti i protagonisti

Abbiamo letto tante notizie, tanti numeri che per chi è dentro al mondo giornalistico hanno portato solo confusione tra i tifosi e appunto gli addetti ai lavori.

Consultandoci con diverse fonti e altri giornalisti crediamo che sapremo del futuro in via ufficiale nella prossima settimana.

Sono tanti i fattori da tenere d’occhio, il primo è che i principali “attori” di questa vicenda si sono racchiusi in un silenzio rumoroso.

Ferrero non ha più parlato con la stampa e non ha presenziato a eventi in queste settimane, Vialli ha fatto due uscite pubbliche nelle quali in una ha dichiarato che vorrebbe fare il dirigente e non ha smentito nulla nonostante la pressione dei media.

Aquilor è una società che farebbe da tramite a investitori, dalle ricerche incrociate siamo venuti a conoscenza che si tratti per il momento ( se non ci sono altre figure) di società finanziarie che si occupano di gestione di debiti e finanziamenti con sede in Arabia Saudita e Dubai.
Del principe arabo non c’è stata nessuna dichiarazione, secondo voci si sarebbe pur ritirato dalla “cordata” perché il suo nome sarebbe uscito e si sarebbe infranto un vincolo di segretezza, anche qui punto interrogativo.

Non ci resta che aspettare ma conoscendo il calcio e le vendite societarie tutto può accadere.

La situazione è quella descritta e se non ci sono da una parte smentite e dall’altra comunicati per calmare l’ambiente crediamo che il futuro si stia decidendo proprio in questi giorni o addirittura già deciso.

Non parliamo di cifre perché bisognerebbe considerare anche come vengono formulate le proposte.

In caso rimanesse Ferrero, opzione difficile ma non possiamo escludere, sarà un mercato in salita e sicuramente dovrà scegliere un nuovo allenatore e qualcuno che faccia il mercato, sempre in questo caso si aspettano delle vendite dei giocatori più quotati poiché la gestione Ferrero vive di plusvalenze e giocatori da rilanciare, sicuramente in questi anni lo staff c’è riuscito ma per farlo bisogna essere agili sul mercato.

I tempi si accorciano sempre di più e le ripercussioni aumentano.

Siamo alla fine del campionato e per questo è iniziato il countdown per tutti i protagonisti.

Samp-Empoli : Probabili formazioni e precedenti

 

Formazioni Probabili:

SAMPDORIA (4-3-1-2): Audero; Sala, Tonelli, Ferrari, Murru; Praet, Ekdal, Jankto; Ramirez; Quagliarella, Gabbiadini. Allenatore: Giampaolo.

EMPOLI (3-5-2): Dragowski; Veseli, Silvestre, Dell’Orco; Di Lorenzo, Traorè, Bennacer, Krunic, Pajac; Farias, Mchedlidze. Allenatore: Andreazzoli

 

TUTTI I PRECEDENTI A GENOVA (SERIE A E B)
9 vittorie Sampdoria
3 pareggi
3 vittorie Empoli
23 gol fatti Sampdoria
7 gol fatti Empoli

LA PRIMA SFIDA A GENOVA
1986/1987 Serie A Sampdoria vs Empoli 3-0
L’ULTIMA SFIDA A GENOVA
2016/2017 Serie A Sampdoria vs Empoli 0-0

 

 

Giampaolo: “L’ordinario appiattisce, a me non piace. Paradosso che il Genoa tifi per noi”

“Lo spirito deve essere sempre quello giusto. Anche domenica scorsa la squadra ha giocato in maniera seria. Hanno lavorato bene, con responsabilità. Nei comportamenti settimanali e giornalieri la squadra dimostra sempre di avere senso del dovere e del rispetto. È il solito mantra che ripeto ai calciatori: essere professionali, il rispetto per la maglia, per i tifosi, il rispetto della propria immagine, la possibilità di migliorare la classifica dello scorso anno».

“L’Empoli è una squadra che gioca a calcio, anche molto bene. Mi piace per le idee e la mentalità. Vanno a giocarsela e fa parte del suo DNA. È una squadra sempre difficile da affrontare, forse lo scontro diretto contro la Spal gli ha pesato nella rincorsa. È una squadra che sa giocatore e vuole metterti in difficoltà. E di qua c’è una squadra che vuole migliorarsi». Su Andersen: «Non è convocato . Quagliarella è quello sicuramente più motivato, ma l’obiettivo è personale. Al centro della squadra c’è l’insieme, c’è l’obiettivo di squadra. A prescindere che uno faccia 30 partite o zero, il gruppo deve mantenere alta l’intensità. Tutti sono importanti, seppur in maniera diversa. Ramirez è a disposizione, ma devo ancora valutare le condizioni di qualcuno che non ha ancora recuperato. Possiamo giocatore con un trequartista di ruolo oppure con un tridente atipico».
«È una soddisfazione pensare che il Genoa faccia il tifo per noi. La butto sull’ironia perché è così che bisogna prenderla. Se dovessi dare peso alla domanda mi offenderei per me e per la squadra. Sarebbe un’offesa e un insulto paventare l’idea che si perda apposta. L’aspetto professionale è al di sopra di ogni sospetto. Questo fa parte della mia cultura, di quello che mi hanno insegnato. Queste sono cose che mi rimbalzano pensare che i genoani facciano il tifo per la Sampdoria può essere motivo di soddisfazione.

“A Parma la squadra ha fatto una grande prestazione, il risultato non ci ha premiato ma la partita c’è stata. C’è chi può dire che non c’era un obiettivo e quindi ha un peso diverso, ma gli ingredienti di quella partita sono tanti e belli. Ferrari? È la dimostrazione di quello che dico da sempre: lavora bene, in silenzio, è intelligente, riflessivo, razionale. Ha tutte le caratteristiche per fare in un futuro l’allenatore. È uno che ragiona. Sono felice di come ha giocato le ultime partite, sono piccole rivincite di chi sta lì e lavora. Non l’ho mai abbandonato, l’ho sempre incitato a migliorare. Raccolgo la soddisfazione nella sua tenacia. Non si è mai lasciato andare e sono contento per lui».Sul futuro : Ne parleremo quanto sarà il momento. Tra Chievo e Juventus ci incontreremo e ne parleremo. Dovrò parlare con il presidente, ci confronteremo. Io credo che tutti debbano avere forti motivazioni a migliorarsi. L’ordinario ci appiattisce e a me l’ordinario non piace. Avremo modo di confrontarci, parlare e decidere con grande serenità. Io con la società non ho problemi e non le rimprovero nulla. E non ho nemmeno diatribe. Alzo l’asticella con me stesso, con i calciatori. I tifosi sono i primi a farcela alzare. Vediamo, ci confronteremo con serenità. Nessuno alza i toni», ha concluso Giampaolo.