FantaSampGazzetta – Sampdoria-Parma: top e flop

Brutta battuta d’arresto per i blucerchiati nel match contro il Parma, che terminano così una settimana da incubo fatta di 3 sconfitte in 6 giorni.

Sampdoria:
Top: Murru: l’unico blucerchiato a salvarsi soprattutto nel primo tempo, dove supporta bene la manovra offensiva e va anche vicino al gol. Più confusionaria la ripresa dove comunque contiene bene Kulusevski.
Flop: Jankto: il peggiore in assoluto. Sbaglia praticamente ogni appoggio ed è sempre fuori posizione. Entra troppo presto in area sul rigore vanificando il tap-in di Quagliarella e rischia di lanciare lo 0-2 ducale con un banale pallone perso a metà campo.
Quagliarella: l’emblema di una giornata maledetta. È protagonista dell’episodio che potrebbe svoltare la partita ma si fa ipnotizzare da Sepe dagli 11 metri. Non il miglior modo per festeggiare il rinnovo di contratto

Parma:
Top: Sepe: i 3 punti gialloblù hanno l’impronta dei suoi guantoni. Bravissimo sul rigore ad intuire la conclusione di Quagliarella e fenomenale su Colley a pochi minuti dalla fine.
Kucka: gioca un solo tempo ma è per distacco il migliore tra i ventidue in campo. Ci prova almeno 3 volte prima del colpo di testa dell’1 a 0 ed è onnipresente in ogni zona del campo. Panzer
Flop: Kulusevski: prestazione sotto le righe per lo svedese scuola Atalanta, che non riesce mai ad incidere nell’arco dei 90′ minuti. Prova spesso la giocata ma non salta mai l’avversario diretto anche in un secondo tempo in cui avrebbe molti spazi a disposizione.

FantaSampGazzetta: Sampdoria-Parma

Dopo la rocambolesca partita di Cagliari, i blucerchiati ricevono al Ferraris il Parma anch’esso reduce dalla da una sconfitta maturata nei minuti di recupero.

Nell’impegno di ieri in Coppa Italia mister Ranieri ha dato spazio a coloro che fin qui hanno giocato meno, risparmiando i titolari per la sfida con i gialloblu. Confermata la coppia QuagliarellaGabbiadini in avanti, entrambi consigliati con il capitano in particolare che vuole proseguire sull’onda della doppietta di lunedì. Impossibile lasciare fuori il Ramirez dell’ultimo periodo. Più Vieira di Ekdal in mezzo. Centrali in difficoltà e che possono soffrire la velocità degli avanti ducali. Murru per un 6. Audero nome buono per questa giornata.

Data la grande emergenza in attacco, D’Aversa sembra indirizzato a proporre il tandem GervinhoKulusevski con il possibile avanzamento di Kucka nel ruolo di falso nueve. Il gioiellino svedese in particolare si sta rivelando un vero e proprio top tra i centrocampisti, con già 3 gol all’attivo fino ad ora. Si anche allo slovacco in posizione avanzata. Barillà ed Hernani non convincono fino in fondo. Difesa che si affida all’esperto Bruno Alves e alla sorpresa Dermaku. Darmian da buon voto dopo la bocciatura con il Milan. Sepe non prima scelta.

FantaSampGazzetta Top e flop: Cagliari-Sampdoria

Sconfitta che fa male, malissimo se si pensa al risultato al 70′ minuto, quella dei blucerchiati alla Sardegna Arena, che dilapidano due volte il doppio vantaggio e si vedono punire da Cerri a partita praticamente finita.

Sampdoria

Top:  Quagliarella: il premio per il gol più bello della scorsa stagione lo fa tornare per una sera il bomber implacabile dello scorso anno. Scalda i motori con una rovesciata che solo un grande Rafael leva da sotto al traversa, salvo poi batterlo con freddezza dagli undici metri. Serve l’assist a Ramirez per lo 0-2 e si inventa l’1-3 con una grande volee’ di sinistro. Se il capitano è questo la salvezza è un po’ più vicina

Ramirez: altra grande partita dell’uruguaiano, che nel giorno del suo compleanno segna il secondo gol consecutivo con una sassata ad incrociare che piega i guantoni a Rafael. Uscito lui si spegne la luce

Flop: Ferrari: gioca un ottimo primo tempo fatto di grande attenzione e precisione. Affonda nel finale quando si fa anticipare da Joao Pedro sul 2-3 e da Cerri nel 4-3. Due errori gravi che costano la sconfitta.

Thorsby: ha la grossa attenuante di giocare in un ruolo non suo e per 60 minuti non se la cava neppure male. Nell’ultima mezz’ora lascia però troppo spazio a Pellegrini nell’occasione sui due assist e si fa girare attorno da Joao Pedro sul 3 a 3. Da rivedere.

Cagliari
Top: Joao Pedro: 9 gol in campionato, basterebbe questo dato per descrivere la grandissima stagione del brasiliano. Va vicino alla rete nel primo tempo in un paio di occasioni e trova una doppietta da bomber vero che vale la rimonta. Inspirato

Nainggolan: la vera anima della squadra rossoblù. Nel momento più difficile per i suoi si inventa la rete del 1-2 con una sassata da fuori che non lascia scampo ad Audero prima di servire a Joao Pedro l’assist del pareggio. Imprescindibile

Flop: Simeone: l’unico nell’attacco rossoblù a non essere in serata. Sempre anticipato, non riesce nemmeno a svolgere il consueto lavoro di supporto alla manovra. Vede per giunta dalla panchina il suo sostituto decidere la partita con un gran gol di testa al primo pallone toccato. Giornata no

FantaSampGazzetta: Cagliari-Sampdoria

Sfida ostica quella della Sardegna Arena per i blucerchiati, che lunedi sera affronteranno la formazione di Maran vistasi riacciuffare a Lecce nel rocambolesco finale di partita.

Dopo la fondamentale vittoria con l’Udinese, Ranieri sembra indirizzato a riproporre molti degli uomini scesi in campo a Marassi domenica scorsa, complice anche una rosa decimata dagli infortuni. Chi sembra recuperare dalla botta presa è Quagliarella, che andrà ad affiancare Gabbiadini nel tandem offensivo. Tra i due consigliamo questa volta l’ex Napoli e Southtempton, che ancora una volta ha dimostato di poter essere decisivo anche da fermo. Va verso la conferma Ramirez nel ruolo di esterno destro, da schierare perchè tra i più in forma dell’ultimo periodo, con Vieira che andrà a sostituire Bertolacci al fianco di Ekdal. Importante sarà il ruolo del centrocampista inglese contro una squadra che fà del centrocampo il suo punto di forza; per noi è un si. Jankto da sufficienza striminzita. Dubbio sull’out di destra tra Thorsby e Ferrari, con Murillo che nel secondo caso affiancherebbe Colley nel mezzo. Possibile sorpresa Murru da grande ex. Audero a forte rischio malus.

Cagliari che sogna l’Europa quello costruito del presidente rossoblu Giulini, che nonostante gli infortuni i lungodegenti Pavoletti e Cragno ha saputo costruire una delle realtà più interessanti di questa stagione. Si in blocco al trio Simeone-Joao Pedro- Nainggolan, con il brasiliano già autore di 7 reti in questa stagione ed implacabile fino ad ora dal dischetto. Più Nandez di Rog in mediana nonostante il croato sia andato in rete nell’ultima partita casalinga. Linea difensiva che può andare maggiormente in sofferenza data anche l’assenza di capitan Ceppitelli; unica eccezione Luca Pellegrini che è consigliato.

Sampdoria-Udinese: top e flop

Ossigeno. Difficle trovare un altro modo per descrivere i 3 punti conquistati dai blucerchiati contro l’Udinese. Dopo un primo tempo di sofferenza culminato con la magia di Gabbiadini nel recupero, i ragazzi di Ranieri hanno cambiato marcia nella ripresa, complice l’espulsione di Jajalo, riuscendo a portare a casa una vittoria che li allontana finalmente la zona retrocessione.

Sampdoria

Top: Gabbiadini: c’è nuovamente la sua firma nella seconda vittoria casalinga stagionale. Si fa perdonare la devizione imprecisa sotto porta con un autentico capolavolo su punizione che manda negli spogliatoi il Doria sull’1 a 1. Ci riprova nella ripresa sempre da fermo chiamando alla risposta Musso. In generale dà la sensazione  di poter creare qualcosa di pericoloso ogni volta che calcia.
Ramirez: schierato un pò a sorpresa dall’inizio, coglie un clamoroso palo di testa dopo pochi minuti su cross di Jankto. Corona una prestazione di grande sostanza prendendosi la reponsabilità di calciare e segnare un rigore pesantissimo che vale tre punti. Imprescindibile in questo momento la sua qualità.
Flop: Jankto: ci si attendeva una grande partita contro la sua ex squadra e cosi non è stato. Sbaglia molti appoggi e non riesce mai ad essere pericoloso dalle parti di Musso. Pare non essere finita la preoccupante involuzione iniziata dal suo arrivo in maglia blucerchiata.
Udinese
Top: Nestorovski: Trova il suo primo gol in campionato ,complice anche la deviazione di Colley, dopo essersene visto annullare uno in precedenza per fuorigioco millimetrico. Tiene alta la pressione sui portatori di palla doriani fino all’espulsione, dopo la quale il baricentro della squadra fisiologicamente si abbassa.
Flop: Jajalo: Commette una terribile ingenuità quando si becca il secondo giallo per una fallo in ripartenza su Ramirez. Errore grave che sposta una gara fin li in equilibrio dalla parte dei blucerchiati.
Ekong: Macchia una partita fin li attenta quando colpisce in area Quagliarella provocando il rigore decisivo e condannando i suoi alla prima sconfitta sotto la guida di Gotti. Irruento

FantaSampGazzetta: Sampdoria-Udinese

Archiviata l’ultima pausa Nazionali dell’anno, la ripresa del campionato vedrà arrivare al Ferraris l’Udinese del neo allenatore Gotti, subentrato tre giornate fa a Tudor dopo la sconfitta con la Roma. I friuliani, reduci dal pareggio interno con la Spal prima della sosta, vogliono far punti per rimanere in acque tranquille. I ragazzi di mister Ranieri al contrario occupano attualmente il terz’ultimo posto in classifica e sono alla disperata ricerca dei tre punti che in casa mancano dal match con il Torino.

Sampdoria: i blucerchiati dovranno fare a meno degli infortunati Bereszynski e Bonazzoli, entrambi ai box fino al nuovo anno. Nel canonico 442 spazio in avanti a Quagliarella e uno tra Gabbiadini (in vantaggio) e Caprari. Il capitano, da ex, ha timbrato una doppietta lo scorso anno contro i bianconeri e rimane da schierare contro una squadra ad alto rischio penalty: già 4 infatti i rigori fischiati a sfavore dell’Udinese in 12 giornate. Confermati Ekdal e Vieira in mediana (meglio lo svedese come voto) affiancati da Jankto a sinistra e uno tra Thoesby e Rigoni a destra. Il ceco può essere la sorpresa di giornata, Rigoni la scossa anche a partita in corso per meritarsi un riscatto che al momento pare lontano. Puntate su De Paoli anche da terzino, mentre i due centrali sono sempre a rischio insufficienza. Consigliato Audero

Udinese:  Date le pensanti essenze di Okaka e Becao, i friulani si affideranno ancora di più all’estro di De Paul, già a segno in questo stadio con il Genoa due domeniche fa. L’argentino giocherà a supporto del tander Lasagna-Nestrorovski, con l’ex Carpi che proverà a ripetersi dopo essere andato anche lui a segno nella vittoria contro il Grifone. Meglio Larsen di Sema sulla fascia e Mandragora di Jajalo in mezzo. Da evitare il terzetto di centrali. Si a Musso, in gran forma e reduce dal rigore parato a Petagna nei minuti di recupero

Fantarevival: Lucas Torreira, “El nano” diventato gigante!

Da Montevideo a Pescara attraverso 11.174 chilometri; questa la distanza percorsa da un ragazzino uruguaiano per coronare il sogno comune a molti altri giovani sudamericani: giocare ed affermarsi nel Vecchio Continente.

Individuato dall’osservatore Roberto Bruda nelle fila dei Wanderers, viene acquistato dal Delfino nel dicembre del 2013 e rimane in primavera fino all’esordio nel maggio del 2015 nel ruolo di trequartista. Lucas però ama cucire il gioco piuttosto che rifinirlo, e da buon uruguaiano possiede una gran fame che lo porta ad asfissiare gli avversari in possesso di palla. Da qui l’intuizione dell’ex allenatore pescarese Massimo Oddo, che lo arretra davanti alla difesa rendendolo così il cervello dell’intera squadra. Qui Lucas conferma le sue doti da interdittore e si fa apprezzare per la tecnica, il temperamento e una personalità difficile da trovare in un ragazzo di 20 anni.

Di questi tratti rimane folgorato l’attuale capo osservatore blucerchiato Pecini, che nel Luglio 2015 lo acquista per 3,5 milioni lasciandolo a maturare un altro anno in Abruzzo. Al termine della stagione 2016, terminata con 29 presenze tra campionato e playoff, viene riportato a Genova con l’idea iniziale di farlo crescere alle spalle del nuovo acquisto blucerchiato Cigarini. Giampaolo però ha idee diverse: l’ex Pescara infatti è sveglio, recettivo, ha una bel piede e gran voglia di emergere e mettersi in mostra. Alla prima stagione in serie A colleziona 35 presenze su 38 e diventa imprescindibile per il tecnico doriano che non rinuncia praticamente mai a lui.

Se il Torreira giocatore fa gongolare allenatore e tifosi, lo stesso non si può dire per il Torreira fantagiocatore, da molti  poco apprezzato perchè incline al malus (7 ammonizioni in quella stagione) e poco produttivo in zona bonus. Anche a questo, il piccolo numero 34, ha saputo porre rimedio l’anno dopo, o più precisamente a partire dal 29 ottobre 2017 quando segna il suo primo gol in campionato con una spettacolare punizione contro il Chievo.

Non contento, si iscrive nuovamente al tabellino dei marcatori con il gol del definitivo 4 a 1 ai veronesi. Saranno 4 le sue reti al termine della stagione, condite anche da 1 assist e numeri non lontani dai top di reparto (media voto: 6,15 fantamedia: 6,43).

Di lui si innamorano in molti tra fantallenatori e tifosi avversari, ma L’Arsenal decide di portarlo via versando ben 30 milioni di euro nelle casse di Corte Lambruschini. Dalla polvere dei campetti di Frey Bentos in Uruguay al  manto erboso dell’Emirates nelle partite di Champions League: il piccolo Lucas è finalmente diventato grande

Sampdoria-Atalanta al fanta: top e flop

0 a 0 intenso e poco spettacolare quello contro l’Atalanta, che consente comunque ai blucerchiati di muovere un altro piccolo passettino verso la salvezza. Importante sottolineare l’acquisita sbabilità difensiva, confermata anche contro quello che fino a questa giornata era il migliore attacco della Serie A. Evidente però allo stesso tempo la poca pericolosità offensiva, ma per il momento e l’avversario il punto resta comunque prezioso.

SAMPDORIA

Top: Audero: è alla terza porta inviolata consecutiva nelle ultime partite nonostante avversari come Atalanta e Roma. Corre qualche rischio per un’uscita al limite su Muriel nel primo tempo, ma è bravo sulla punizione di Malinowski sul finire della prima frazione. Ordinaria amministrazione nella ripresa dove a parte un paio di prese basse non è mai chiamato in causa.

Ekdal: la vera mente del centrocampo doriano. Non tira mai indietro la gamba e gestisce con efficacia tutti i palloni che passano dai suoi piedi. Fondamentale il suo recupero per dare sostanza ad un centrocampo che spesso era andato in sofferenza anche sul piano fisico

Flop: Ferrari: contiene bene Muriel nel primo tempo lasciandogli poco spazio per incidere. Da matita blu però l’errore che lo costringe a fermare Barrow lanciato a rete e a rischiare di lasciare in 10 i suoi.  In generale la sua intesa con Colley può essere migliorata.

Quagliarella: il bomber ammirato nella scorsa stagione sembra un lontanissimo ricordo. Poco coinvolto in attacco, non fornisce neppure il suo solito apporto di sacrificio alla squadra. Forse le voci sul mancato rinnovo iniziare ad incidere sulle sue prestazioni.

ATALANTA

Top: Djimsiti: partita attenta e concentrata quella dello svizzero, nonostante la Samp si faccia vedere poco dalle parti di Gollini. Padrone delle palle alte, aiuta i suoi anche in fase di impostazione. Concentrato

Pasalic: tra i più brillanti dell’intera formazione bergamasca. Pericoloso dopo pochi minuti quando spedisce sull’esterno della rete, è l’unico in grado di dare qualche cambio di passo alla manovra. La sosta per lui arriva forse nel momento meno opportuno quando finalmente aveva trovato continuità di impiego e rendimento.

Flop: Malinowski: a parte la punizione nel primo tempo, non riesce mai a rendersi realmente pericoloso dalle parti di Audero. Ingenuo nella ripresa a rimediare una doppia ammonizione in una manciata di minuti che poteva compromettere la gara. Tra lui ed Ilicic al momento c’è un abisso.

Muriel: il grande ex della sfida, non mostra mai uno dei suoi classici spunti in velocità, complice una difesa che lascia pochissima profondità alle spalle. Ricorderà questa giornata solo per il caloroso applauso tributatogli al momento della sostituzione.

FantaSampGazzetta: Sampdoria – Atalanta

Reduci dai 3 punti di Ferrara, i bluerchiati affronteranno al Ferraris uno degli avversari più in forma del momento, capace di mettere alle corde il Manchester City di Guardiola nel mercoledì di Champions League

Mister Ranieri potrebbe apportare alcune modifiche allo schieramento tattico visto nelle ultime settimane, inserendo un uomo a supporto delle punte e passando così al 4312.

Alternativa il canonico 442 adottato in precedenza. In entrambi i casi, Quagliarella riprenderà il suo posto al centro dell’attacco dopo il mancato utilizzo di lunedì e a fare coppia con lui uno tra Bonazzoli e Gabbiadini. Il capitano è apparso molto carico in settimana e rimane quindi nella lista dei papabili per il vostro attacco anche se può soffrire la fisicità dei centrali bergamaschi.

In caso di 4312 spazio a Ramirez sulla trequarti, il cui ingresso ha cambiato il volto della squadra nelle ultime partite. Rimane un giocatore che se in giornata può far male a qualunque avversario; per noi è un si. Il rientrante Bertolacci ha voglia di stupire il suo ex allenatore ai tempi del Genoa, ma sia lui che Vieira sono a serio rischio insufficienza. No a Jankto contro Hateboer. Difesa da evitare in blocco. Il solito Depaoli in caso di 442 può portarvi una sufficienza ma poco altro. Audero da cuori forti.

Ottima prestazione degli uomini di Gasperini contro i Citizens, che complici i risultati delle avversarie possono ancora sperare in una storico passaggio del girone.  Il tecnico bergamasco dovrà fare a meno ancora per questo turno del grande ex Duvan Zapata, che nonostante si sia allenato con i compagni pare non verrà rischiato se non nei minuti finali a partita ancora in bilico. Tra gli indisponibili anche Ilicic (squalificato) e probabilmente Gosens che ha lavorato a parte ma spera ancora di recupare.

In attacco spazio al trio Muriel-Gomez-Malinovskiy, tutti consigliati perchè in ottimo stato di forma. Il Papu in particolare è gia a quota 4 gol e 4 assist con una super fantamedia di 8,27 in 11 apparizioni. Impossibile lasciarlo fuori. Con il forfait di Gosens  ci saranno Hateboer e Castagne sulle fasce,con due tra De Roon, Pasalic e Freuler nel mezzo. SI a Toloi dietro, autore di due assist due giornate fa, e a Gollini per la difficoltà blucerchiata a trovare la via della rete.

ANSA: Gabriele Gravina, inviata richiesta per l’utilizzo di 5 sostituzioni a partita.

(ANSA) – ROMA, 5 NOV – Il presidente della Figc Gabriele Gravina, ha annunciato al consiglio federale di oggi di aver inviato all’Ifab (International Football Association Board), ente che stabilisce le regole del calcio, la richiesta di poter applicare anche al campionato di serie A l’utilizzo delle cinque sostituzioni, in luogo di tre, come già avviene nei campionati di Serie C e Serie D.