Samp-Toro, Tifoso: “Chiedo scusa, non volevo fare male a nessuno”

“Chiedo scusa, non volevo fare male a nessuno, non so perché ho fatto quel gesto, sono solo un c…”.

Come riportato da Il Napolista:

Parla così il tifoso della Sampdoria che durante Samp-Toro è stato beccato a fare il gesto dell’aeroplanino. Un gesto oltraggioso della memoria della tragedia di Superga. Per questo la Samp ha subito provveduto a consegnare il video che lo incastrava alla Digos.

Il signor G. – come viene indicato oggi dalla stampa – è stato così identificato. Ci sono volute meno di 48 ore, a dimostrazione del fatto che quando si vuole si può.

Ha poco più di 30 anni, è un broker finanziario ed è incensurato. Era allo stadio nella Nord, al suo fianco i due ragazzini che hanno emulato il suo orribile gesto e che, minorenni, non hanno subito sanzioni.

Inoltre Il Corriere Torino riporta le dichiarazioni della polizia che spiega come è avvenuta l’identificazione:

“Siamo partiti da quel fotogramma, ma poi è tata fondamentale l’analisi dei filmati. Il tifoso non era seduto al suo posto e questa è già una violazione delle disposizioni d’uso dell’impianto sportivo. Lo abbiamo individuato grazie alle immagini del suo ingresso ai tornelli, malgrado piovesse e lui indossasse il cappuccio. Non è stato facile. A quel punto il questore di Genova ha disposto la sanzione amministrativa: daspo per due anni. Anche perché quel gesto istigava alla violenza”.

Paolo Bardetta