Una città in “retrocessione calcistica”, stimati 100 mil di perdite per la città in caso le squadre andassero in serie B

La città di Genova, vista la situazione attuale di classifica di Samp e Genoa, almeno calcisticamente parlando sta vivendo un momento di “retrocessione”.

Due squadre a soli due punti di distacco e due società probabilmente in confusione.

Ovvio che è molto prematuro fasciarsi la testa prima del previsto anche perché la fine del campionato è ancora lunghissima, e può succedere di tutto, ma la situazione attuale intanto ha creato parecchio scompiglio e malumore nella stessa città.

Il Presidente della Camera di Commercio per esempio, Attanasio parla proprio di disastro.

Ecco quanto comunicato al Secolo XIX: “Una retrocessione sarebbe un brutto segnale. Due? Un disastro. Intanto perché le partite al sabato fanno male al commercio. Poi perché il giro d’affari complessivo di Genoa e Samp è di 100 milioni di euro e si ridurrebbe sicuramente. Ma sarebbe proprio una perdita di status della città anche dal punto di vista mediatico e turistico. “

Paolo Bardetta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: