Dopo l’episodio Vieira, Gravina: “Razzismo nel calcio? Proviamo coi radar sonori”

Gravina dopo Samp-Roma:

Nostre norme rappresentano un unicum europeo in quanto a severità. Non è, però, sempre facile individuare i responsabili di questi gesti vergognosi”.

L’antiterrorismo ha in dotazione un radar passivo, che grazie a dei microfoni direzionali riesce a determinare l’origine di un rumore. Con un simile strumento, si potrebbe immediatamente individuare l’autore un coro razzista. Potremmo pensare di testarlo nella sfida che la Nazionale giocherà a Palermo contro l’Armenia”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: