Cristiano Doni: “Mi chiedono spesso di quel gol al Dall’Ara, penso che sia tempo che questo tabù finisca”

Cristiano Doni, l’autore del gol che regalò l’ultima vittoria della Samp a Bologna (2/11/2003), che tra l’altro è stata anche l’unica dopo l’anno dello scudetto, è stato intervistato dal Secolo XIX :

“Mi chiedono sempre di quel gol e ci metto sempre un po’ a capire come mai, visto che onestamente ne ho fatti molti altri in carriera. Poi mi spiegano: la Samp non ha più vinto a Bologna da allora, prima o poi finirà questo tabù…”

In quella partita in panchina per i blu­cerchiati c’era  Novellino, in at­tacco c’erano Flachi e Bazzani, Doni segna alla mezz’ora, con Pagliuca ingannato per una deviazione in barriera di Dalla Bona.

“Certo che lo ricordo ma sen­za la deviazione non credo sa­rebbe entrata”

Oggi Doni vive a Bergarmo, ha gestito in passato un locale in Spagna, a Maiorca, e si è scrollato di dos­so gli anni di Calciopoli (allo fine assolto per pre­scrizione), mesi fa lui stesso ha detto sull’argomento:

“vittima di una farsa umiliante che non ha portato alla giustizia finale ma mi ha distrutto immagine e carriera.

Col calcio ha chiuso: “Ho segnato più di 150 gol tra serie A e B ma oggi penso di essere più forte a tennis che a calcio, non a caso quando gioco a pallone, le po­che volte che ci ritroviamo con gli amici, lo facciamo in una squadretta che si chiama “Bi­doni”

Sul tennis: “C’è poco da raccontare, do­po il calcio mi sono concentrato sul tennis, prima per passione poi iscrivendomi come tes­serato Fa e ottenendo qualche soddisfazione in terza categoria. Mi diverto come molti ex calciatori, diciamo che ho un bel servizio” (ride)

Sul gol al Dall’Ara: “Lo ricordo e ricordo che non era un supergol ma ci regalò la prima vittoria esterna stagionale, quindi una boccata d’ossige­no, Poi visto che al Dall’Ara la Samp non ha più vinto è diven­tato un gol quasi storico, ma penso che questo tabù in Emi­Iia la sia durato fin troppo… Sarei contento se la Samp vincesse ma tenete conto che sono un doppio ex, ho giocato anche a Bologna, dal 1994 al 1996, in C1 e B, quindi preferisco restare neutrale sul fronte del tifo”

Samp e Bologna: “Sono due squadre che han­no entrambe bisogno di punti e non sarà facile per nessuna prevalere. Io penso che la cura di mister Ranieri si farà sentire perché è un uomo di grande esperienza e saggezza e quan­do interviene in una situazione come quella del Doria sa come farlo. Già con la Roma si é visto, ora vedremo in trasfer­ta”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: