Ranieri sempre più verso l’inedito tandem Gabbiadini-Bonazzoli per la sfida di domani.

Claudio Ranieri sta pensando alle mi­gliori soluzioni possibili in vi­sta della trasferta di Ferrara per aiutare i suoi a ritrovare effica­cia in attacco.

Come scritto questa mattina su La Gazzetta dello Sport, con il possibile stop del capitano Quagliarella, alle prese con un problema all’adduttore, si fa stra­da l’ipotesi di un attacco formato dalla coppia Gab­biadiniBonazzoli. Questa  sarebbe la settima soluzio­ne differente per il reparto of­fensivo dopo quelle provate nelle prime dieci giornate di campionato. Bonazzoli aveva dichiarato ad inizio stagione di volersi giocare sino all’ultimo le sue carte in maglia blucerchiata, e la sua prova contro il Lecce ha dato ampiamen­te ragione alla scelta della società di trattenerlo.

Se verrà confermato, è molto probabile che nella prossima partita verrà affiancato da Gabbiadini.

La Samp ha segnato sin qui soltanto cinque gol, due dei quali firmati da Gabbiadini. Il primo nell’unica vittoria sta­gionale, contro il Torino, quando ancora sulla panchina sedeva Di Francesco, l’altro nell’ultima trasferta a Bologna, uno splendido tiro dalla distanza, reso vano però dal risultato finale.

Gabbiadini, è tornato alla Samp nove mesi fa, dopo una precedente esperienza in cui aveva già dimostrato di essere un bomber dl razza, e aveva messo in bacheca una invidiabile esperienza fra Under 21 (dov’è il terzo miglior marcatore as­soluto dietro a Pirlo ed a Gilar­dino) e Nazionale, con gol pe­santi in Europa League e in Champlons, oltre che in Pre­mier, compreso quello decisi­vo che salvò il suo Southampton dalla retrocessione e la doppietta In finale di Coppa di Lega a Wembley contro il Manchester United.

Nella seconda parte della stagione passata la Samp aveva smes­so di schiacciare sull’acceleratore, rendendo più complicato anche il compito degli attac­canti, il cambio di guida tecni­ca aveva permesso a Manolo di tornare a quel ruolo di esterno destro offensivo nel quale s’era affermato sei anni fa proprio in maglia blucerchiata e con il Na­poli.

Di Francesco l’aveva pro­vato inizialmente sia ala destra , sia attaccante centrale, con Identica efficacia, ma nel pri­mo caso Manolo aveva dimo­strato dl poter fare le cose mi­gliori, con quel suo movimen­to caratteristico che gli permetteva di accentrarsi dalla destra, battendo a rete a con il piede sinistro.

Ora, con l’arrivo di Ranieri, e il suo tentativo di da­re alla Samp il modulo più adatto ai suoi interpreti, serve anche l’aiuto dei giocatori con maggiore personalità ed espe­rienza, proprio come Gabbiadini, uno abituato a venire fuori  anche da situazioni complicate e, soprattutto, poco condizionabile dai risultati.

«Ma lo voglio dare la leader­ship a tutti», ha spiegato ieri Ranieri, perchè giustamente è necessario che tutti si adoperino per riportare serenità e punti alla Samp.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: