L’infortunio di Bereszynski potrebbe essere un’opportunità per Vasco Regini. Ranieri lo elogia e riflette…

L’infortunio di Bereszynski potrebbe concedere spazio e occasioni a chi fino ad ora ne ha avuto poco.  Secondo quanto riporta il Secolo XIX, questa potrebbe essere  un’occasione per Vasco Regini.

Ranieri, infatti, non perde occasione per elogiarlo, lo ha fatto anche prima della sfida contro l’Atalanta: “Vasco si sta allenando così bene che bisognerebbe abbracciarlo ogni secondo che sta in campo”

Vasco è fatto così, non si risparmia mai, è dotato di un saldissimo spirito di gruppo e una spiccata propensione al sacrificio. Caratteristiche che vengono subito apprezzate dagli allenatori.

Anche Di Francesco, che Io ha visto impegnarsi al massimo in ritiro per recuperare dalla lesione al menisco, e che lo ha costretto a sottoporsi a un intervento chirurgico, al rientro in rosa a pieno regime, lo ha fatto scendere in campo dall’inizio a Napoli. Finora la sua unica presenza stagionale.

“Purtroppo un tecnico a volte — ha detto Ranieri un paio di settimane fa — è chiamato anche a fare delle scelte ingiuste, mi scuso con quei giocatori che meriterebbero più spazio e non vengono presi in considerazione. Quello che gli posso dire è di non mollare, perché posso sbagliare anch’io. Ma credo in tutti loro”. Riferimento a Regini, ma non solo. Thorsby è stato la conferma di quelle parole, con la sua titolarità a sorpresa a Ferrara.

Regini ha compiuto 29 anni lo scorso 9 settembre, ma è il veterano della rosa attuale blucerchiata. Perché se è vero che Quagliarella ha vestito la maglia blucerchiata due anni e mezzo prima, dopo una sola stagione è andato via a titolo definitivo. Mentre il difensore dal 9 maggio 2009, giorno del debutto doriano (a Marassi con la Reggina), è sempre rimasto legato a Genova, tra prestiti e compartecipazioni con Foggia, Empoli, Napoli e Spal. Le sue presenze in blucerchiato sono 133, per duttilità divise tra il ruolo di terzino sinistro (83) e difensore centrale (50). Ha portatola fascia di capitano per due stagioni, vincendo da capitano due derby.

Con Bereszynski fuori per un po’, Ranieri nelle prossime partite sarà chiamato a fare anche nuove scelte. Ferrari in alcune gare potrebbe essere dirottato a destra, alternativa più difensiva a Depaoli. Al centro della difesa si libererebbe un posto. Murillo è ancora all’inseguimento di forma e ritmo campionato, Chabot sta crescendo e poi c’è quel Regini da abbracciare ogni secondo.