Ranieri chiede due difensori centrali d’esperienza, ma c’è solo Tonelli.

Quella frase di Claudio Ranieri, nel post Lazio-Sampdoria, non è passata inosservata… «Se dovesse andar via un attaccante deve arrivarne uno più forte. Poi mi servono due difensori centrali destri. La società lo sa».

Non una polemica, ma piuttosto la sottolineatura di un promemoria. Comunque una frase forte. Una presa di coscienza della situazione che l’allenatore vuole pubblicamente condividere con proprietà e area tecnica. I risultati di ieri sono stati favorevoli, Brescia e Lecce hanno recuperato un solo punto, il Genoa ha perso. Ma basta poco per ritrovarsi nuovamente ad annaspare. La sconfitta con la Lazio ha confermato quanto già si sapeva, i problemi più grandi in questo momento riguardano il reparto dei difensori centrali. Ferrari si è infortunato il 27 dicembre e non è stato sostituito, Murillo  non c’è più e non è stato sostituito.

La Sampdoria, come fa notare questa mattina il Secolo XIX, è sicuramente l’unica squadra della Serie A e forse anche dei cinque maggiori campionati europei a utilizzare come titolari due centrali mancini. Con sinceri ringraziamenti a Regini, sulla lista dei cedibili e che con il Brescia ha sopperito all’emergenza (e offrendo una prestazione all’altezza) con spirito di disponibilità e sacrificio. Ranieri ha chiesto già da giorni due difensori centrali destri. Forse entrambi pronti. La società però, se non cambieranno gli scenari del budget, gliene può portare solo uno d’esperienza, Lorenzo Tonelli. Il secondo sarà un giovane di prospettiva.

Toccherà a Ranieri, a questo punto, dire chiaramente se Tonelli più un giovane di prospettiva è quanto basta alla Sampdoria.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: