Accadde oggi, 27/1/2013: Sampdoria-Pescara 6-0, poker di Icardi per salutare Riccardo Garrone.

27 gennaio 2013, si gioca Sampdoria-Pescara, gara valevole per la 22.a giornata di serie A.

Una giornata di festa, come aveva chiesto Edoardo Garrone, in memoria del presidente Riccardo Garrone, scomparso in settimana; sugli spalti tanti i tributi, “Semplicemente grazie presidente” è lo striscione comparso in gradinata Sud mentre nel settore distinti domina la scritta “Sempre nel nostro cuore”. La partita è iniziata con un minuto di silenzio dopo il giro di campo di Edoardo Garrone con la Primavera della Sampdoria per raccogliere il tributo dei tifosi in onore del padre.

I blucerchiati onorano nel migliore dei modi la memoria del presidente Riccardo Garrone battendo nettamente un Pescara in bambola. Di Eder (rigore), Icardi (4) e Obiang i gol.

La partita è stata un monologo di 90 minuti, il vantaggio è arrivato su rigore al 31’ del primo tempo, netto fallo di Terlizzi si Gastadello e precisa trasformazione di Eder, ma già prima si era capito che per il Pescara sarebbe stato un pomeriggio da incubi, con Perin costretto a superarsi più volte.

Il colpo di grazia lo ha dato Icardi, quattro reti, un poker che gli permette di portarsi a casa il pallone e di arrivare a quota sette nella classifica cannonieri. La ciliegina sulla torta blucerchiata è stata la rete di Obiang, uno dei pupilli del compianto presidente, ventenne al primo gol in serie A.

Si è alzato la maglietta fino al collo, sotto aveva la scritta “grazie” per onorare la memoria di uno che considerava un secondo padre. Un gesto non capito solo dall’arbitro Tommasi,  che, regolamento alla mano lo ha ammonito. Era diffidato, salterà la trasferta nella Torino granata.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: