Serie A assemblea finita: tagli degli stipendi. Solo Lotito vuole riprendere allenamenti.

Dall’Assemblea dei club di Serie A è emersa la chiara volontà di sospendere gli stipendi di marzo ai giocatori, che possono tuttavia essere pagati fino a maggio. Per questo motivo è stato dato mandato a presidente di Lega Dal Pino di parlare con Gabriele Gravina (Figc) e con Damiano Tommasi (Aic) in rappresentanza dei calciatori. E’ questa dunque la notizia principale: la volontà della Serie A di uniformarsi a quello che sta accadendo anche negli altri campionati europei.

La ripresa degli allenamenti

Non si è parlato inoltre di date di inizio allenamento: in un momento in cui si esorta la gente a stare a casa, in cui sembra sempre più probabile l’arrivo dell’esercito per le strade, sembra infatti strano parlare di ritorni agli allenamenti anche se il presidente della Lazio Claudio Lotito vorrebbe che i suoi giocatori tornassero a farlo al più presto.

Come finire la stagione: le ipotesi

Si è parlato inoltre anche dell’eventualità, considerata quasi una certezza, di andare oltre il 30 giugno: data limite indicata da sempre come il termine della stagione. I giocatori ancora non si allenano e non si sa quando ripartirà la Serie A: inizia a essere difficile pensare che possa terminare entro il 30 giugno. Si è parlato anche dell’ipotesi considerata catastrofica: che il campionato non riparta proprio. In quel caso la Lega potrebbe chiedere al Governo di aiutare il calcio che, si stima, possa avere un danno economico tra i 700 milioni e gli 800 milioni di euro.

Lo riporta Sky sport