Cerezo: “Italia che unione! Campionato? Finisce qui la Samp è salva, salute in primis”

Toninho Cerezo guarda con preoccupazione alla situazione dell’Italia e vive con molta prudenza in Brasile. L’ex centrocampista di Roma e Sampdoria, raggiunto al telefono da Tuttomercatoweb.com, dice: “E’ un gran problema mondiale, anche se l’Italia in effetti sta soffrendo moltissimo. Vedremo cosa succederà anche qui in Brasile. Pure da noi è tutto fermo. Nel frattempo parlo in Italia con i miei vecchi compagni di squadra come Vierchowod e mi raccontano della situazione. Io tra l’altro ho due figlie che vivono a Genova. Luana è sposata con un genovese ed è rientrata in Italia ieri dopo essere stata tre mesi qui in Brasile. In questo momento ci sono solo notizie brutte e che ti fanno pensare ma l’Italia vedo che, come sapevo già, è molto unita, la gente sa aiutarsi l’un con l’altro”.

Come si vivono le restrizioni in Brasile?
“Quel che posso dire è che io come simbolo dell’Atletico Mineiro ho lasciato un messaggio ai calciatori affinchè anche loro possano dare una mano alla gente per questi mesi che saranno difficili. Anche in Brasile siamo generosi l’un con l’altro. Ma per tutti alla lunga il problema rischia anche di essere economico. Se non si riprende a produrre poi il pericolo è che non ci siano più riso nè i fagioli”.

Il campionato in Italia riprenderà?
“Credo che ora si debba aspettare ma la vita riprenderà. Tutti devono fare la loro parte per superare questa fase. Per quanto riguarda il campionato è difficile esprimersi da lontano, peraltro in queste settimane sono sempre stato insieme ai miei nipotini e non mi sono potuto fare un’idea definitiva”.

La Roma e la Samp: che idea si è fatto sulle due sue ex squadre?
“Ad oggi la Samp sarebbe salva quindi il campionato può chiudersi qui… (ride, ndr)

Lo riporta tmw

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: