Bereszynski: “ora sono finalmente negativo! Bella sensazione uscire anche per poco”

GENOVA – Tra i giocatori della Sampdoria risultati positivi al Covid-19, Bartosz Bereszynski riassume la propria esperienza in una lunga intervista a Przegląd Sportowy .”Dobbiamo prepararci a vivere in queste nuove realtà. Il calcio sarà sicuramente un po’ diverso. Bisogna tornare alla normalità lentamente. Le prime settimane sono state difficili. È stato difficile sopravvivere mentalmente. Per sette settimane non abbiamo lasciato l’appartamento per nemmeno un metro. Non potevamo nemmeno fare le cose più semplici. Il problema era persino portare fuori la spazzatura. Abbiamo un bambino di due anni, quindi a casa produciamo molti rifiuti, ma non siamo riusciti a smaltirli. Abbiamo raccolto i rifiuti sul balcone, ogni pochi giorni qualcuno del club veniva e ci ha aiutato. La Sampdoria ci ha supportato in tutto. Prima facevo alcuni chilometri al giorno allenandomi, camminando. Quando la vita diventa statica, questo movimento ti manca molto. Fortunatamente, abbiamo una terrazza abbastanza grande con erba artificiale mquindi abbiamo replicato un giardino. Ci ha salvato”.

Il difensore racconta così la sua odissea nel Covid-19: “Per le prime due settimane ogni giorno ho sentito che qualcosa non andava in me. I successivi sette giorni ho potuto allenarmi per circa il 90 percento, e dopo tre settimane era tutto perfettamente normale. Di recente ci hanno testato a giorni alterni. Perché qualcuno fosse considerato sano, si dovevano avere due risultati negativi di seguito. Mercoledì è venuto fuori che non ho il virus, ma ho dovuto aspettare la conferma. Questa fase è ora chiusa. Subito dopo siamo andati a fare una passeggiata. Con le mascherine, ma è comunque una bella sensazione poter uscire di casa. A parte una passeggiata al giorno, non abuso di questa libertà”.

“Sono preoccupato – dice – dalla velocità con cui il coronavirus si diffonde. Guarda il nostro spogliatoio, quante persone ne sono state contagiate. Se avessi avuto il raffreddore, non avrei certamente infettato così tante persone. Lo abbiamo già alle spalle, sappiamo di cosa tratta questa malattia, non intendiamo affrontarla una seconda volta, quindi riduciamo al minimo il rischio. Tuttavia, sono preoccupato per la salute dei miei cari. Fortunatamente, non conosco nessuno in Polonia che sia contagiato. Guardando cosa stava succedendo in Italia, penso che abbiamo risposto molto bene come Paese. Sono contento che ci siamo comportati in modo così responsabile come nazione”.

Lo riporta Primocanale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: