Samp, il 29 giugno decade il cda: pronto ad entrare Gianni Panconi, sua la due diligence del gruppo Vialli.

Il prossimo 29 giugno, con l’assemblea di approvazione del bilancio 2019 della Sampdoria (chiuso a -13 milioni), che si terrà nella sede legale di Sport Spettacolo e non nello studio di Romei come l’ultima volta, decadrà il breve consiglio di amministrazione di “responsabilità” nato dopo le controverse dimissioni, poi rientrate, di Fiorentino.

Questa volta Antonio Romei, che in questi giorni si sta occupando anche delle dinamiche federali legate al taglio degli stipendi. potrebbe realmente uscire dal consiglio di amministrazione. A quanto pare i rapporti tra il presidente e l’avvocato, dopo un periodo di apparente stabilità, si sono nuovamente incrinati. Verosimilmente nel prossimo cda, come riferisce Il Secolo XIX, entrerà una nuova figura dirigenziale che andrà a collidere con Romei e che può fare riflettere l’avvocato sul suo futuro in Sampdoria.

Si tratta di Gianni Panconi, nato a Albissola, liceo classico Chiabrera a Savona, laurea 110 e lode in Economia all’Università di Genova. Un percorso professionale passato attraverso esperienze in Carige, Meliorbanca, Ubs e dal 2012 in Ernst & Young, dove nel luglio 2018 è stato nominato partner M&A, fusioni e acquisizioni, Industrial product leader-Transaction Advisory Services.

Panconi è entrato nella vita della Sampdoria ai tempi della trattativa con il “gruppo Vialli”. Era stato proprio lui infatti, per conto di E&Y, a effettuare la famosa due diligence che avrebbe dovuto spianare la strada alla cessione a Dinan e Knaster. Un lavoro che ancora oggi, con i dovuti aggiornamenti, costituisce la base di qualunque eventuale trattativa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: