Ferrero: “Io penalizzato: ho tutte le sale chiuse, calcio in sofferenza. Spero nell’aiuto dello Stato “.

Ferrero intervenuto a Tiki Taka ha parlato del momento molto difficile a livello economico che il calcio sta attraversando:

“Viviamo tutti un momento molto difficile. Non voglio fare retorica perché sono cose già dette, ma a noi, al calcio, lo Stato non dà niente, per colpa delle cifre che girano. Da una parte la gente non arriva a fine mese e, per chi prende 1000 euro, sentire che un calciatore prende un milione fa rodere…

Gli stipendi li abbiamo pagati tutti, noi abbiamo pagato tutto quanto. Siamo un po’ in sofferenza, io sono il più penalizzato perché opero in due settori, il cinema, dove ho tutte le sale chiuse, e il calcio, però in qualche modo mettiamo le mani in tasca e andiamo avanti, augurandoci che il governo ci venga incontro. Il calcio è la terza industria italiana, paghiamo le tasse, e chiediamo rispetto.”

LEGGI ANCHE: “Ferrero, proscioglimento nel caso Obiang: le motivazioni del giudice”.

“Ci hanno spostato i contributi a 3 mesi, ma mi sembra una barzelletta perché tra 3 mesi sarà uguale. Per ora le squadre hanno risparmiato diversi milioni di Irpef. Io ai miei ragazzi non ho levato un euro lo scorso campionato, ho pagato tutti gli stipendi e non devo niente a nessuno, molte società sono in regola. Vogliamo essere trattati come aziende.”

La crisi del calcio si trascina da molto tempo. Si possono tagliare gli ingaggi dei giocatori? “Il problema è a monte. Vogliamo parlare degli allenatori? Dei procuratori? E’ un sistema che ho trovato da quando sono entrato nel calcio. E’ normale che se io vendo un calciatore a una squadra di pari livello o superiore, lui dice che non ci andrà? Andrebbe rivisto tutto. I giocatori non vogliono capire che è cambiata un’epoca, non solo il mondo del calcio. Adesso i ragazzini fanno 3 gol e si sentono campioni”.

Lo riporta TMW

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: