Concordati Ferrero: decisione attesa il 26 gennaio. Possibili 3 scenari.

Come abbiamo scritto ieri, non ci sono stati assolutamente rinvii.

Si avvicinano le scadenze per le procedure di concordato preventive della famiglia Ferrero. Ieri, ultimo giorno del termine concesso, Gianluca Vidal, uno dei due advisor insieme all’avvocato Luca Ponti, ha presentato al Tribunale di Roma l’ultima parte dei ponderosissimi approfondimenti richiesti dal giudice delegato. Che adesso ha convocato la coppia di professionisti che assiste i Ferrero martedì 26 gennaio, per un confronto anche con i Commissari Giudiziali delle due procedure.

Tre le possibilità: il giudice si pronuncia subito; determina una tempistica entro la quale farlo; chiede nuovi approfondimenti. In ogni caso non si dovrebbe andare oltre febbraio.

È un passaggio fondamentale per il futuro di quel ramo della “Galassia Ferrero”. Se il giudice lo dichiarerà ammissibile, si passerà alla convocazione dell’adunanza dei creditori (i principali sono la finanziaria Hoist e il fisco italiano). Altrimenti sarà avviata la procedura di fallimento, con possibili ricorsi, che richiederà comunque un po’ di tempo prima di diventare effettiva.

La Sampdoria non è direttamente collegata a Farvem né a Eleven e tanto meno coinvolta nelle procedure. Il suo coinvolgimento nel piano di rientro avviene da “esterna” e comunque protetto dalla presenza del trust sia in caso di concordato, dove c’è un percorso preciso, che a maggior ragione in caso di non approvazione.

Il pronunciamento dei giudici, con tutti i suoi sviluppi, è un passaggio atteso anche da eventuali soggetti interessati sia alle proprietà immobiliari dei Ferrero che alla Sampdoria.

Lo riporta il Secolo XIX

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: