Jankto: “A 14 anni ero artista di strada. Il clima nello spogliatoio è bello”.

Jakub Jankto si è raccontato oggi ai microfoni di Tuttosport.

Le sue parole:

“Sin da bambino ho sempre preso carta e penna per disegnare. A 14 anni facevo i graffiti, ero un ragazzino un po’ ribelle. Io e alcuni amici andavamo in giro a disegnare sui muri di Praga. Facevamo gli artisti di strada. Ma poi un giorno ho beccato degli schiaffi dalla polizia, dai miei genitori, dai miei allenatori”.

“Il clima nello spogliatoio è bello. Non tutti parlano in italiano ma comunichiamo in inglese. Ad essere amici ci aiutano i risultati, se le cose vanno bene in campo anche l’umore è perfetto”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: