Sampdoria, Quagliarella: numeri impressionanti, ieri ha fatto 400 partite in A. Ora aspetta il rinnovo

Fabio Quagliarella, un altro dei suoi gol da mostrare alle “scuole calcio”, un movimento per ingannare il suo marcatore Danilo e un destro appoggiato, al volo, a gamba tesa, che ha lasciato basito Skorupski. Uno dei gol più belli di questa giornata

.Resta il rammarico a Quagliarella che non abbia portato nessun punto alla Sampdoria, riporta il secolo XIX,che si trova fare i conti con una sconfitta assurda. Ma ormai come sempre accade dopo ogni suo gol, ha fatto scattare i soliti numerini delle statistiche nel giorno della sua presenza numero 400 da titolare in Serie A, ottavo calciatore di movimento a tagliare questo traguardo nell’era dei tre punti a vittoria. È salito a 173 reti segnate in A, a una da Amadei che occupa il 14° posto della classifica marcatori eterna del massimo campionato italiano. Non solo ha sicuramente raggiunto e forse superato Adriano Bassetto nella classifica dei marcatori blucerchiati in A. Resta il dubbio, non ancora chiarito, sul numero esatto delle reti realizzate da Bassetto, alcuni testi riportano 92, e quindi lo avrebbe superato (da ieri è a 93), altri incluso il libro edito dalla società blucerchiata per i sessant’anni della fondazione ne riporta 93 e allora lo avrebbe raggiunto.

Con il gol di ieri, poi, Quagliarella ha colmato anche un altro vuoto della sua carriera, mai aveva segnato una rete in campionato al Dall’Ara in 10 partite. All’undicesima ha messo il timbro.Con il gol a Skorupski, Quagliarella è salito a quota 9 stagionali, nella media delle ultime (quella chiusa da capocannoniere è un’eccezione positiva). E rilanciandosi nella competizione interna per la titolarità, insidiata ultimamente da Balde, che sta ri-coinvolgendo Gabbiadini e tra poco anche Torregrossa. In ballo, come noto, ha anche il rinnovo del contratto. Nelle ultime settimane si era esposto in televisione dopo le vittorie con Crotone (prenatalizia) e la Fiorentina (il 14 febbraio), ricordando l’esistenza di un “patto” con Ferrero. Ieri è rimasto in silenzio. Ma dopo gli 8 rinnovi di suoi compagni, ormai dovrebbe essere arrivato il suo momento. Il tema sul tavolo dovrebbe essere soprattutto tecnico. Vista la volontà delle parti di proseguire il rapporto, sarebbe clamoroso che possa diventare dirimente l’aspetto economico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: