Ferrero: via Osti e Pecini, aperto il casting: dall’ex Genoa Faggiano, passando per Vagnati arrivando a Fienga. Ecco la situazione

Passando ai direttori sportivi, sono due le candidature che si stanno imponendo sulle altre, quelle di Daniele Faggiano e Davide Vagnati. Il primo, sostenuto anche da Pocetta (e non è un dettaglio), è legato ancora da un contratto biennale con il Genoa, dove è stato dal giugno al novembre scorso prima di essere sollevato dall’incarico da Preziosi. Potrebbe portarsi a Genova come responsabile dello scouting Vincenzo De Vito (ora all’Arezzo) e come allenatore quel D’Aversa che ha avuto al Parma. Nel giro di Faggiano ci sono anche Raffaele Rubino, ora ds del Livorno, e Gianni Munari, ex centrocampista blucerchiato nell’anno della promozione in A con Iachini, attuale osservatore del Parma. I contatti tra Ferrero e Faggiano sono fittissimi. Monitorato anche Vagnati, la cui posizione al Torino non è più così salda nonostante un contratto pluriennale. Genovese, tifoso e ex calciatore del settore giovanile blucerchiato, coronerebbe il suo sogno. Lui potrebbe portare Semplici, con il quale ha lavorato per anni alla Spal e che può liberarsi dal Cagliari, a maggior ragione in caso di retrocessione. Come responsabile scouting potrebbe portare Gianmario Specchia (al Portogruaro quando nel 2011 il ds blucerchiato Sensibile creò la sinergia). Tra gli altri profili in lizza ci sono anche Tony D’Amico del Verona e Cristiano Giuntoli del Napoli, riporta il Secolo XIX-

Ma le voci ci sono anche in senso inverso. I profili di Ranieri, Osti e Pecini hanno mercato e questo limbo nel quale si trovano alla vigilia di una stagione delicatissima per la Samp per molti motivi come la 2021/2022 sembra attaccargli al collo la scritta “libero”. Stanno così rinascendo tanto per cominciare i rumours su un interesse dello Spezia (in uscita il ds Meluso) per Carlo Osti. Non una novità, se ne era parlato già a fine agosto. E una corte storica, il dirigente era già stato cercato dalla società aquilotta nel 2001 e nel 2010.Infine il capitolo direttori generali. Già più volte in passato Ferrero aveva pensato di ingaggiarne uno. Proposito mai portata a termine, perché alla fine ha sempre valutato che l’organigramma della Samp potesse farne a meno.

Nei mesi scorsi però il tema (su spinta di Vidal) è tornato di attualità e il presidente dopo avere offerto l’incarico almeno un paio di volte a Gianni Panconi, ha incontrato, contattato sondati (in via diretta o indiretta) almeno cinque professionisti, con alcuni dei quali non c’è stata totale simbiosi su proposte e programmi: Roberto Zanzi ex Bologna, Sandro Mencucci ex Fiorentina, Luca Faccioli ex Novara, Chievo e Feralpi Salò, Massimo Cosentino, segretario generale dell’Inter con un passato in Sampdoria nella gestione Garrone e Guido Fienga attuale ad della Roma. —

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: