Cessione Sampdoria e Concordati, Vidal: “Fondo che vuole rilevare la quota dei creditori? questa voce non la ritengo strategicamente vincente”

Il Tribunale Fallimentare di Roma, presidente Cardinali, giudici De Palo e Ceccarini, ha decretato ieri l’apertura della procedura del concordato preventivo richiesto a gennaio 2020 dalla famiglia Ferrero per Eleven Finance (commissari giudiziali Giustiniani, Marziale e Rossi). «Una grande soddisfazione – il commento di uno dei due advisor, Gianluca Vidal, – arrivato al termine di un lungo ma doveroso percorso di chiarimenti richiesti da un collegio molto attento, su una procedura particolarmente complessa. Sono state superate tutte le criticità precedentemente contestate, anche relativamente al trust».

Così il secondo advisor, l’avvocato Luca Ponti(in collaborazione con l’avvocato Francesca Spadetto): «Nel corso di tutto l’iter si sono succedute diverse composizioni di collegi, quindi alla fine non abbiamo convinto solo tre giudici, ma praticamente tutta la sezione fallimentare del Tribunale», riporta il Secolo XIX dopo ieri.

«A breve – ha continuato Vidal – i commissari notizieranno i creditori, per i quali siamo già a disposizione per chiarimenti sulla proposta concordataria. Poi redigeranno la relazione con il parere degli stessi sulla fattibilità concreta della proposta, depositata 45 giorni prima dell’adunanza». C’è la possibilità che qualche fondo esterno alla procedura, possa contattare i creditori (il principale è Marte SPV del gruppo Hoist) per rilevarne la quota: «Gira questa voce e onestamente non ritengo una mossa strategicamente vincente imbarcarsi in una scalata ostile pensando così di mettere in difficoltà Ferrero per arrivare in qualche modo a lambire la proprietà della Sampdoria. Al momento la voce non ha per noi nessun fondamento. I creditori possono votare il nostro piano il giorno dell’adunanza o nei 20 giorni liberi successivi».

Lunedì il cda ha approvato il bilancio trimestrale 2021, chiuso per la prima volta dal 2018 con Ebitda (utili prima di interessi, imposte, deprezzamento e ammortamenti) positivo e senza l’incidenza delle plusvalenze. Nello stesso periodo la posizione finanziaria netta si è ridotta di 6 milioni in coerenza col business plan presentato alle banche per la finanza garantita Sace, lavoro seguito da Gianni Panconi e Alberto Bosco.

Proprio ieri nel finale della trasmissione di Quelli che la Samp abbiamo menzionato l’interesse di un fondo interessato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: