Ferrero ieri a Genova, nessun incontro con i dirigenti. Sempre viva la pista Faggiano: potrebbe arrivare con uno sponsor.

Non si sblocca il nodo dei dirigenti, anzi il fumo è sempre più nero. Ferrero ieri era in sede a Genova e non ha incontrato né Osti né Pecini, in scadenza il 30 giugno. E sulle teste degli storici dirigenti aleggia sempre
Faggiano, con il quale il presidente si sente più volte al giorno. E che vorrebbe inserire in organico. Prima però Faggiano si deve liberare dal Genoa al quale è legato ancora per due anni di contratto. Troppo alto, 720.000 euro netti, per i parametri doriani, secondo Il Secolo XIX, l’operazione si potrebbe
fare con uno sconto del dirigente (sotto forma di uno sponsor che porterebbe alla Samp). E Preziosi, che ne avrebbe un risparmio, potrebbe ragionare su un incentivo all’uscita, anche se Villa Rostan per ora smentisce qualsiasi contributo alla separazione.

Ferrero sa benissimo che Faggiano è incompatibile con Osti e Pecini e che peraltro guadagna più di loro due messi insieme.

Tra gli appuntamenti di Ferrero ieri c’era anche quello con Gianluca Paparesta. Smentite le ipotesi per un ruolo di dg. La sua presenza sarebbe legata esclusivamente agli sviluppi del settore femminile. È lui infatti l’advisor che segue l’operazione Florentia San Gimignano. Sabato scorso è stato infatti firmato l’accordo
preliminare per l’acquisto del titolo sportivo della società toscana di Serie A. Che, se tutto andrà in porto, dalla prossima stagione giocherà a Genova e si chiamerà Sampdoria.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: