Ferrero: con Osti e Pecini rapporto ai minimi. I due dirigenti vicini ai saluti.

Ferrero con i due suoi dirigenti in scadenza – il ds Carlo
Osti e il capo dello scouting Riccardo Pecini – ha in queste ore un rapporto ai minimi sia in fatto di dialettica che soprattutto di feeling. Come riporta Il Secolo XIX, Il primo è a Piacenza a casa sua, il secondo per i rumors di mercato sempre più vicino a rispondere sì alla proposta dello Spezia che gli offre il ruolo di ds-capo scouting dopo una corte che dura da mesi.

Ferrero a domanda sull’argomento minimizza, continuando a ripetere che una soluzione si può ancora trovare con entrambi, cosa vera in assoluto ma sempre più difcile visto che lo ripete da mesi e la data fatidica della
scadenza (30 giugno) è imminente. Chi gli è intorno giura che soprattutto per la trattativa di Pecini con lo Spezia si aspettava una sorta di smentita dal diretto interessato, cosa che finora non c’è stata. C’è anche da dire che alcuni aspetti evidenziati dal capo scout al presidente come condizione per restare alla Samp, tipo il controllo totale dello scouting e delle figure che ci orbitano intorno, non avrebbe trovato una risposta affermativa da Ferrero. Da qui i nodi mai sciolti e la sensazione che le strade siano in procinto di separarsi. Senza allenatore, con i
due dirigenti appunto in stand-by, Viperetta ha così scelto di intraprendere la strada dell’assolo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: