Ferrero – Osti, siamo ai saluti? il Viperetta alla disperata ricerca di un sostituto che non costi troppo

In stallo completo la situazione di Osti, riporta il Secolo XIX, non si sente con Ferrero da quasi due settimane (mai successo), nessun incontro al momento è in programma e comunque la sensazione è che dopo sette anni il presidente non confermerà il suo storico ds.

Non solo l’allenatore quindi, Ferrero dovrà ricostruire per la prima volta in sette anni di gestione anche l’area tecnica. Per il ruolo di ds c’è sempre la candidatura di Faggiano, sulla quale però pesa il lauto ingaggio (720.000 euro netti a stagione) che riceve dal Genoa fino al 2023.

Di dirigenti liberi non ce ne sono molti in giro, Petrachi ad esempio (ma guadagna molto) o Carli, ex Cagliari. O bisogna andare a pescare in un’altra società. Ad esempio in passato c’era stato qualche abboccamento con Pietro Accardi, sempre rimasto legato alla Samp, che però proprio di recente ha firmato il prolungamento con l’Empoli (ci sarebbe di nuovo da trattare con Corsi… ). E abboccamenti c’erano stati anche con Pasquale Foggia del Benevento, un altro che alla Samp ci tiene, e con Perinetti, appena accasatosi al Siena. Cassano, tirato in ballo come suggestione, per ora si dedica esclusivamente a padel e “Bobo tv”. Per quanto riguarda la ristrutturazione di settore giovanile e scouting, Ferrero starebbe per sposare il progetto propostogli da Italo Calvarese, suo amico di vecchia data e responsabile di Next Generation, e Fabio Papagni, già responsabile dello scouting due anni fa. Crescono a questo punto le voci di un ritorno in blucerchiato di Gianni Invernizzi dallo Spezia. Un ruolo potrebbe poi essere affidato a Christian Puggioni, ma gira anche il nome di Alessandro Pizzoli già responsabile del settore giovanile doriano nel 2008.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: