Allenatore Sampdoria, D’Aversa: ieri primo incontro. Passi avanti, ma Ferrero vuole lo sconto.

Ieri Massimo Ferrero, Carlo Osti e Riccardo Pecini si sono rivisti tutti insieme dopo sedici giorni, a pranzo a Roma, con loro era presente anche Giampiero Pocetta. Tutti insieme, nel primo pomeriggio hanno avuto contatti con Roberto D’Aversa e in particolare telefonici con Tullio Tinti, l’agente dell’allenatore che in questi giorni si trova all’estero.

E’ stata approfondita la conoscenza e resta sicuramente uno dei principali candidati per prendere il posto di Ranieri sulla panchina blucerchiata. Domani Tinti rientrerà in Italia, ed è previsto un nuovo incontro tra l’agente e Ferrero per affrontare anche il tema economico dell’eventuale ingaggio. Il tecnico è legato al Parma fino al giugno del 2022 e dovrà eventualmente liberarsi da quell’ultimo anno di contratto. La società gialloblù, che come allenatore ha puntato su Maresca (già obiettivo di Ferrero) non farà ovviamente nessuna resistenza “alla Corsi”, ma al momento, secondo quanto riporta Il Secolo XIX, non pare assolutamente intenzionata a partecipare al pagamento dell’ingaggio, anche sotto forma di un incentivo all’esodo. D’Aversa guadagna circa 750.000 euro e dovrebbe portarsi
solamente un paio di collaboratori. Non un dettaglio. Perché alla fine non si può nemmeno escludere che sulla scelta finale di cui Ferrero ha
dichiarato si assumerà la responsabilità sia proprio l’aspetto economico a giocare un ruolo primario.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: