Allenatore Samp: ballottaggio Giampaolo-D’Aversa. Ferrero chiede contributo, Krause basito.

Ancora niente di fatto per la scelta dell’allenatore blucerchiato, al momento Massimo Ferrero è diviso in un ballottaggio tra D’Aversa e Giampaolo. Le riflessioni continuano finendo con il tenere in vita anche altre candidature, seppur staccate, come Mazzarri e Iachini. Quanto a Ranieri, al di là delle comprensibili smentite del presidente, una telefonata di sondaggio degli umori mercoledì è partita.

D’Aversa e Giampaolo sono legati a Parma e Torino ancora da un anno di contratto e condividono lo stesso agente, Tinti, che si
sta facendo carico di sondare le due società per capire i margini di manovra. Ferrero si aspetta che una parte dell’ingaggio resti a bilancio di Parma o Torino, ritenendo di fargli un “favore” portandogli via un allenatore non più operativo e a libro paga. I Krause e Cairo non la pensano così. Specie, come riporta Il Secolo XIX, gli statunitensi Krause, che sarebbero rimasti basiti di fronte a questo sistema tutto “italiano” di dover arrivare a pagare una parte dello stipendio di un allenatore che andrà a lavorare per un’altra società.

Il Parma insomma al momento non vuole contribuire in nessun modo. E si crea una situazione di impasse. Perché D’Aversa è orientato a non fare sconti, e a non rinunciare a nessuno dei componenti del suo nutrito staff.

La situazione è ugualmente complessa sul fronte Torino per Giampaolo, anche se i granata hanno in piedi alcune situazioni economiche con la Samp che potrebbero essere utilizzate per raggiungere una quadra.

Tutto ancora rinviato, quindi, alla prossima settimana.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: