Quagliarella: ”L’offerta della Juve era vera, ma stavo troppo bene alla Samp”.

«L’offerta della Juventus a gennaio era vera ma alla fine non è stato un “no” a loro, ma un “sì” alla Samp. Ringrazio la Juve, è stato un attestato di stima pazzesco a 37 anni. Ma stavo troppo bene qui…».

Si sente un sampdoriano? «Sì, ormai mi sento di famiglia, parte integrante del mondo Samp. Percepisco l’affetto dei tifosi. Già nel 2006 avevo avuto un impatto positivo, mi era sempre rimasta dentro quella sensazione che un giorno sarei tornato. Ma mai avrei immaginato che storia sarebbe uscita fuori».

Resterà ad abitare a Genova?«Sto una “bomba” qui. Non ho mai escluso di fermarmi. Alla Cassano? Infatti lui abita a cinquanta metri da me. Anche perché io sono nato e cresciuto in una città di mare e dal terrazzo vedo il mare. Ho fatto il bagno a Quinto tante volte, mi sto appassionando alla pesca subacquea, anche se non come Tonelli che si alza alle 5 del mattino… La gente di Genova poi mi fa stare “top”».

Il Secolo XIX