Plusvalenze Sampdoria: Ferrero chiama in causa Romei. Tutti gli affari sospetti.

La procura di Torino indaga sui movimenti di mercato della Signora e nel mirino sono finite operazioni con altri club. Le genovesi ostentano tranquillità: «Siamo estranei alla vicenda, se chiedono chiarimenti li forniremo senza problemi»

L’evoluzione delle inchieste, penale e sportiva, sul “caso plusvalenze” è monitorata con attenzione da Sampdoria e Genoa, inserite nella lista delle società attenzionate; ma, riporta Il Secolo XIX, da Corte Lambruschini e Villa Rostan fanno filtrare all’esterno una estrema serenità. Si aspettano anche che a breve qualche dirigente possa essere convocato dalla Procura di Torino per essere ascoltato, ma sono pronte a offrire la massima disponibilità. Oggi i magistrati hanno incontrato Giovanni Manna, responsabile dell’Under 23 bianconera e con lui dovrebbero avere concluso il giro degli juventini. La sensazione è che nei prossimi giorni coinvolgeranno nelle audizioni le altre società.

Certamente il “caso plusvalenze” va a certificare una volta di più la stretta dipendenza dei bilanci di Sampdoria e Genoa dai guadagni da player trading. Lo spiegano bene le quote di plusvalenze iscritte negli ultimi bilanci. Per la Samp nel periodo 2018/2021 quello attenzionato dalla procura di Torino sono stati 55,5 milioni (2018), 52,3 (2019) e 14,7 (2020, stressato Covid). Per il Genoa i ricavi generati da plusvalenze sono stati 48,9 milioni (2018), 79,6 (2019) e 11,7 (2020).

Il trasferimento che fa più parlare, per quanto riguarda la Sampdoria, è certamente quello di Emil Audero, pagato 20 milioni con una plusvalenza per la Juventus di 18.993.000. Prezzo alto (è uno degli acquisti che Ferrero rimprovera a Romei), ma secondo la società assolutamente in linea con il mercato globale dei portieri e fa testo la cessione di Allison, passato nell’estate del 2018 dalla Roma al Liverpool per 62,5 milioni di euro. Audero a quell’epoca era uno dei portieri italiani emergenti, già nel giro delle rappresentative nazionali. Contestualmente, ma non come contropartita tecnica, la Sampdoria aveva ceduto alla Juventus il centrocampista belga Daouda Peeters per 4 milioni, tutta plusvalenze, e il difensore Erasmo Mulè, pagato al Trapani 450.000 euro, per 3.5. Due profili ritenuti emergenti e quindi dal prezzo congruo. Peeters, attualmente infortunato, gioca nello Standard Liegi, dove si sta mettendo in evidenza. La Juventus avrebbe ricevuto per lui un’offerta da una squadra inglese per 6 milioni. L’altro grappolo di affari tra Samp e Juve è legato al trasferimento in bianconero dell’attaccante Giacomo Vrioni, per 3.888 milioni (plusvalenza 3.873). Contestualmente sono arrivati in blucerchiato 4 giovani: Francofonte per 1.7 (plusvalenza Juve 1.574), Gerbi per 1.3 (senza plusvalenza), Stoppa per 1 (plusvalenza Juve 122 mila euro) e Brentan per 225.000. Cifre che sommate risultano quasi “a specchio”.

La linea di Ferrero sarebbe di indicare il suo ex braccio destro Romei come artefice di quelle operazioni, anche se l’ultima parola su ogni trattativa è sempre stata la sua. Non c’entra ovviamente niente con queste trattative l’attuale ds blucerchiato Daniele Faggiano.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: