Calciomercato Samp: Rincon ai dettagli. Trattative per Vignato, Stryger Larsen, Sansone e Villar

La cessione di Depaoli al Verona (prestito con diritto di riscatto) e l’accordo per la rescissione di Silva (che impatta molto di più sotto il profilo tecnico) confermano quanto si sapeva già da un po’: la Sampdoria in questo mercato di gennaio ha bisogno di fare cassa. Attraverso delle cessioni o anche la dieta del monte ingaggi (caso Silva). Ma nello stesso tempo c’è la consapevolezza, e la volontà, da parte del cda, di non indebolire la rosa a disposizione di Roberto D’Aversa. Il cui obiettivo, ora più che mai, è quello di condurre la squadra a una salvezza la più tranquilla possibile. Non bisogna aspettarsi investimenti, gli eventuali arrivi devono rispondere a requisiti chiari: prestito secco o al massimo con diritto di riscatto (vietati gli obblighi), a costo zero o quasi e con ingaggi sostenibili. O pagati con il contributo delle società cedenti.

Romei e il ds Faggiano nelle ultime ore stanno stringendo per l’ex genoano Tomas Rincon, 33 anni, in uscita dal Torino e individuato come il sostituto di Silva. Il venezuelano in questa stagione è stato “bocciato” da Juric, 7 presenze in campionato, una sola dall’inizio. In Coppa Italia aveva giocato tutta la partita al Ferraris con la Samp, prova deludente come quella dei suoi compagni. Se tutto si incastrerà, Rincon potrebbe arrivare anche in tempo per essere convocato con il Cagliari. Alternativa al venezuelano, lo spagnolo Gonzalo Villar, 23 anni, che la Roma è intenzionata a cedere in prestito. Piace anche Amrabat della Fiorentina, al momento però sta dando la propria preferenza al Torino (c’è anche il Cagliari interessato) che, oltre a Rincon, ha proposto alla società blucerchiata un altro esubero, Baselli. Tra i centrocampisti centrali tramontata la trattativa con lo Young Boys per Michael Aebischer, che la Samp segue dall’estate scorsa, la società svizzera non è disponibile a un prestito, ma solo alla cessione. E si parlava di poco più di due milioni.

L’intenzione della Samp è quella di ingaggiare tre calciatori per coprire i vuoti in organico. Un centrocampista centrale, un esterno e un terzino. Per l’ala (al momento nella rosa solo Candreva e Ciervo), la richiesta di D’Aversa è il romeno Dennis Man, 23 anni, che ha già allenato. Al Parma in B sta faticando, c’è la disponibilità a un prestito, coprendo anche parte dello stipendio.

Altri due profili considerati portano al Bologna e sono quelli di Nicola Sansone, 30 anni, ma soprattutto di Emanuele Vignato, 21. Faggiano ha avuto recentemente un incontro con il suo agente Tullio Tinti. Per il terzino, sta spingendo ancora per Andrea Conti (il ds è in ottimi rapporti con il suo agente Giuffredi) in uscita dal Milan, la Roma per l’ennesima volta vorrebbe mandare Davide Santon in blucerchiato, ci sono anche le piste Jens che non ha accettato la proposta di rinnovo dell’Udinese ed è quindi in scadenza e Ales Mateju, romeno di 25 anni, che ha risolto il contratto con il Brescia ed è libero.

Saranno le uscite però a cambiare la rosa della Sampdoria in questo gennaio. Saranno le trattative, la congruità delle offerte, a determinare quanto. Il ds Faggiano sta continuando a cercare di trovare una sistemazione per chi sta trovando poco spazio come Murru (che dopodomani potrebbe essere titolare con il Cagliari), Vieira, Torregrossa (proposti al Brescia, può essere interessato al prestito) e anche Verre (Bologna, Verona). Ma i due “articoli” da vera plusvalenza sono però Colley e Thorsby. Il gambiano ha recentemente cambiato agente, affidandosi a Fali Ramadani convinto che possa trovargli una squadra in Premier League, la sua destinazione più ambita, ma al momento nessuno si è fatto avanti. Quanto al norvegese, ha sempre mercato in Italia, ma sono cambiate le pretendenti. Non più Atalanta e Napoli come l’estate scorsa, ma ora Inter e Fiorentina. Sullo sfondo un rinnovo contrattuale che la Samp dovrebbe proporre al centrocampista, ma al momento non è stato fatto nessun passo. Poi c’è Ekdal, dichiarato “incedibile”. Non la pensa così il Copenaghen, che presenterà un’offerta a Corte Lambruschini. Lo svedese rispetto a Silva non ha voglia di andare via, ma il suo futuro dipenderà anche dal progetto che gli prospetterà la Samp. Se resta Colley può essere Chabot a essere ceduto, ha già diverse richieste. Capitolo Bereszynski: il rinnovo non è stato ancora firmato, con tutto quello che può comportare. Poi, il portiere: c’era in ballo il prestito di Falcone alla Spal, con arrivo di Sepe dal Parma. L’operazione risulta però essere stata bloccata.