Damsgaard: cresce la preoccupazione, la stagione potrebbe essere finita.

Sta crescendo la preoccupazione attorno a Mikkel Damsgaard. I tempi di rientro del danese a oggi non sono assolutamente pronosticabili.

La stagione travagliata del danese protagonista all’Europeo continua, previsto un altro ciclo di terapie, per il suo recupero si va da una migliore delle ipotesi, che a questo punto significherebbe verso marzo/aprile, alla peggiore, stagione finita. In ogni caso il tecnico al momento sa di non poterci fare affidamento. E non a caso non lo sta “calcolando” nella Samp delle prossime settimane.

Damsgaard ormai da quasi un mese si trova in Danimarca e la sua fase di recupero nel centro specializzato di Copenaghen si è stoppata qualche giorno fa, a causa del riacutizzarsi di quella infiammazione che ormai da fine ottobre lo ha bloccato. Questa lunga assenza, tra l’altro, unita al comprensibile silenzio adottato dalla società blucerchiata per rispettare la privacy del ragazzo, ha finito però con il generare anche nella stessa tifoseria blucerchiata, attraverso i social e il passaparola, il fiorire delle voci più assurde e fantasiose, alcune anche terribili, circa le sue condizioni di salute.

 

Damsgaard: cresce la preoccupazione, la stagione potrebbe essere finita.

Questa settimana, secondo Il Secolo XIX, potrebbe essere decisiva per capirne un po’ di più. L’infiammazione gli sta creando forme di artrite che vanno e vengono e l’intenzione è quella di procedere con un nuovo ciclo di terapie. Lo staff medico della nazionale danese, che lo segue a Copenaghen, è in strettissimo contatto con l’area sanitaria della società blucerchiata. Si sta decidendo se procedere con le terapie in Danimarca, oppure fare tornare il ragazzo in Italia, anche per farlo visitare da uno specialista reumatologo.La Sampdoria si sta stringendo attorno al suo giocatore, in questo periodo molto delicato della carriera. Quella che doveva essere la stagione della definitiva consacrazione di Damsgaard, una delle rivelazioni dell’ultimo campionato europeo, si sta trasformando in un brutto incubo. La priorità è chiaramente la salute di Damsgaard, il suo pieno recupero. I tempi di rientro, sono l’ultimo dei pensieri.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: