Cessione, Lanna: “Lavoriamo per lasciare la Samp in buone mani, e ci impegniamo per il futuro”.

Il presidente della Sampdoria Marco Lanna, ai microfoni di Primocanale, nel corso della trasmissione Liguria in A ha parlato della futura cessione della società:

“Le manifestazioni di interesse siamo d’accordo che quando ci sarà qualcosa di concreto ne verremo a conoscenza, ora siamo in una fase prematura, ma quando ci sarà qualcosa di concreto, il CdA verrà informato sui nomi. Vogliamo la Sampdoria nelle mani migliori possibili, e se ci sarà da far guerra la faremo (ride, ndr)”. Stiamo lavorando come se il 30 giugno dovessimo andare avanti. Le trattative per comprare società possono andare avanti tanto, non possiamo non programmare, il nostro lavoro, a parte i rinnovi, è quello di lavorare nel futuro della prossima stagione, non pensiamo che il 30 giugno ce ne andremo, lavoriamo fino a quando potremo andare avanti”.

Lanna ha inoltre parlato della scelta di Marco Giampaolo come nuovo tecnico: “Giampaolo non è stato facile da convincere, ma si vedeva che era contento di rientrare in una società e giocatori che conosceva già e in una sfida da subentrante, cosa che non gli era mai capitata. Con una squadra che deve lottare per non retrocedere; adesso ripropone il 4-3-1-2, era difficile fargli la squadra su misura. Nelle varie chiacchierate l’ho trovato aperto a variazioni sul tema tattico. Finite le trattative l’ho trovato entusiasta, con carica, un valore aggiunto anche per noi, era contento di rimettersi in pista”.

Sull’esonero di D’Aversa: “L’esonero di D’Aversa è avvenuto dopo Torino, credo che il mister abbia lavorato in situazione complicata, so che era stato messo in discussione e screditato anche nei confronti di giocatori. I suoi venti punti valgono tanto, l’ho ringraziato per il lavoro fatto, un grande signore. La comunicazione l’ho fatta io e non è stato facile… Dovevamo dare una scossa. La squadra sembrava avesse perso l’impeto e la voglia di correre su ogni pallone”.

Cessione, Lanna: “Lavoriamo per lasciare la Samp in buone mani, e ci impegniamo per il futuro”.

A proposito della salvezza: “Ho visto una squadra compatta, a lottare su ogni pallone, la voglia di correre e con la qualità che abbiamo, ci sono squadre meno attrezzate di noi, anche se il campionato italiano è complesso. La salvezza è alla nostra portata”.

Sulla riabilitazione di Mikkel Damsgaard: “Damsgaard sta facendo cure e terapie, speriamo di rivederlo qui, per questa stagione non so se riusciremo a rivederlo, spero possa ritornare presto tra noi. È mancato tanto nella fase iniziale di campionato; un giocatore che può ancora crescere”.


TMW

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: