Samp: al Bentegodi il punto di svolta. Giampaolo punta sull’effetto sorpresa e valuta il 4-5-1.

Punto di svolta al Bentegodi. La Sampdoria ci arriva dopo quattro giorni di ritiro a Verona chiesto dai calciatori, un segnale particolarmente gradito dalla piazza.

Saranno risultato e prestazione, soprattutto mentale, a indicare l’utilità di questa ritiro, scelta tradizionalmente distante dal dna blucerchiato. Giampaolo arriva a questo punto di svolta in silenzio. La società ha autorizzato solamente il responsabile delle aree tecniche Osti a parlare ai media in questa settimana.

Il tecnico ha però parlato, e alzato il tono di voce, durante gli allenamenti. Mai come questa volta si appiglia anche all’effetto sorpresa. Nel post-Salernitana aveva chiaramente detto che qualcosa avrebbe cambiato, anche andando contro la sua natura.

La Samp stasera non scenderà in campo con il solito 4-3-1-2 e questo è il punto di partenza. Giampaolo ha preso in considerazione il 4-4-2, ma non è in pole modulo iniziale. E anche una riproposizione della difesa a tre avrebbe presentato più teoriche controindicazioni che vantaggi. La sensazione, secondo Il Secolo XIX, è che alla fine il modulo anti-Verona possa essere un 4-5-1 difensivo convertito in 4-3-3 offensivo. Accennato nell’ultimo allenamento al Mugnaini.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: