Cessione Samp, scatto in avanti: arrivata la prima importante offerta dagli USA, è di Cerberus C.M.

Sul fronte cessione c’è qualcuno che scatta in avanti e arriva finalmente la prima offerta per la Sampdoria.

Sarebbe un fondo statunitense, Cerberus Capital Management, società fondata nel 1992 da Steve Feinberg (in foto), il primo ad aver formulato un’offerta non vincolante per l’acquisto del club di Corte Lambruschini.

Cerberus, a Genova, è un nome già sentito perché fu tra i pretendenti di Banca Carige, insieme a Bper e Crédit Agricol, e infatti si tratta di una società specializzata nell’acquisto di crediti deteriorati. Cerberus ha anche interessi nel calcio, come dimostra la sua presenza, a livello di partner, nel Royal Football Fund, una società di investimento sportivo con sede a Dubai.

Cessione Samp, scatto in avanti: arrivata la prima importante offerta dagli USA, è di Cerberus C.M.

Il collante tra Cerberus e la Sampdoria, secondo Il Secolo XIX, potrebbe essere stata Banca Ifis, lo sponsor principale della Sampdoria, il cui vicepresidente è il genovese e sampdorianissimo Ernesto Furstenberg Fassio spesso in tribuna al Ferraris per seguire la squadra del cuore, a novembre 2021 rilevò 2,8 miliardi di crediti deteriorati dallo stesso Cerberus; e potrebbe dunque aver messo in contatto le due realtà. Le operazioni di avvicinamento sono seguite da uno studio legale di Milano, mentre un family office spagnolo potrebbe affiancare gli americani nell’operazione.

L’offerta non vincolante non produce obblighi, ma è una prima manifestazione concreta del fatto che la Sampdoria può essere ceduta, anche in tempi brevi.

Cerberus ha a disposizione ingentissime quantità di capitale e importanti agganci con la politica, visto che uno dei suoi massimi dirigenti in passato è stato Dan Quayle, vicepresidente degli Stati Uniti sotto la presidenza di George Bush sr.

Oltre all’offerta Cerberus ci registrano gli interessamenti di altri due fondi Usa (più uno europeo e uno extraeuropeo). Questo conferma che dall’altra parte dell’Oceano la finanza Usa pensa che il nostro movimento sia in crescita e possa garantire, in futuro, sicuri guadagni. Sulla bontà dell’operazione naturalmente vigileranno il presidente Lanna e i rappresentanti del cda della Sampdoria.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: