Sinisa torna a casa, la moglie: “più bella cosa non c’è. Back home”

Terminato il terzo ciclo di cure di Sinisa Mihajlovic. Ad annunciarlo, attraverso il proprio profilo Instagram, è la moglie Arianna, che ha pubblicato tre foto che la ritraggono abbracciata al marito all’uscita del padiglione 8 di ematologia dell’Ospedale Sant’Orsola di Bologna.

“Più bella cosa non c’è. Back Home”, il messaggio allegato alle immagini, che annuncia il ritorno a casa del tecnico rossoblù.

Ansa

Allenamento senza Ranieri impegnato a Roma. Da domani rientro di tutti i nazionali tranne Murillo

La Sampdoria si è ritrovata questo pomeriggio al mugnaini di Bogliasco per riprendere gli allenamenti visita della gara di domenica contro l’Udinese.

Viste le cattive condizioni meteo sono stati impegnati in una seduta fisico-atletica, prima in palestra e poi sul campo 2, al quale hanno partecipato anche i rientranti Chabot e Jankto.

Domani il rientro degli altri nazionali tranne Murillo.

Claudio Ranieri e Andrea Bertolacci non hanno preso parte lavori essendo impegnati a Roma nell’incontro tra la classe arbitrale e le squadre di serie A.

Bonazzoli ha proseguito il programma di recupero. Domani, è in agenda una doppia sessione

Lo riferisce sampdoria.it

Micciche’: arrivano le sue dichiarazioni dopo le dimissioni

“Desidero annunciare, con questa dichiarazione, le mie immediate dimissioni dalla carica di presidente della Lega Serie A. Le indiscrezioni di oggi apparse sui giornali relative alla chiusura dell’istruttoria sulla mia nomina avvenuta venti mesi fa e al suo possibile esito sono inaccettabili e mi impongono questa decisione”.

Sono stato chiamato in Lega – prosegue Miccichè – con dichiarazioni unanimi di voto e gli ho dedicato molto tempo ed energie. Ho trovato una Lega commissariata completamente disorganizzata e che non aveva nemmeno la parvenza di una realtà efficiente.Tutti insieme, perché nessuno ha sollevato la benché minima obiezione in 20 mesi e le delibere che abbiamo preso sono state tutte all’unanimità, abbiamo preso una serie numerosa di iniziative che andavano nella giusta direzione”,

Polenta: “mi piacerebbe tornare a Genova, Samp o Genoa è indifferente”

“A Genova ho ancora tanti amici, ci sono stati contatti con entrambi i club cittadini, a me piacerebbe molto tornare. Sono un professionista e penso che per la mia famiglia sarebbe bellissimo rivivere una nuova esperienza a Genova. Genova e Bari fanno parte dei ricordi più importanti della mia carriera, mi sento legatissimo all’Italia. In Puglia vissi un’esperienza fantastica, dove nonostante le difficoltà societarie e il fallimento arrivammo ai playoff, con sessantamila

persone allo stadio…”.

Mi dispiace per la città, il clima di rivalità fra Genoa e Samp è qualcosa di unico, ma estremamente positivo per il modo in cui viene vissuto dalla gente. Io penso, però, che entrambe adesso, grazie pure al cambio di allenatore, possano uscire da questa situazione”.

Bereszynski: subirà un intervento in endoscopia. Recupero oltre il 20 Gennaio

L’Infortunio per il terzino della Sampdoria è più grave di quello che si pensasse. Ieri è stato sottoposto esami che hanno evidenziato una lesione al menisco esterno, sarà fatto un intervento in endoscopia e tempi di recupero saranno minimo di 2 mesi. Questa mattina il giocatore sarà visitato a Roma e poi l’intervento. Si parla di un recupero oltre il 19 gennaio, potrebbe fare il suo ritorno contro il Sassuolo a fine mese.

Federclubs: in corso campagna di affiliazione, c’è tempo fino al 31 Dicembre

È stata lanciata la campagna di affiliazione alla Federclubs per la stagione 2019/2020.

“Ci affidiamo a questi concetti chiave per il nostro movimento: continuiamo Uniti a sostenere difende la nostra storia, le nostre tradizioni, nostro futuro. Il termine ultimo per pagare la quota di sottoscrizione, che resta di €60, è il 31 dicembre. Il pagamento può essere effettuato direttamente presso la sede della federclubs di via casata centuriona oppure attraverso bonifico bancario.

Rigoni: spunta una clausola, lo Zenit potrebbe già richiamarlo a Gennaio in caso si qualificasse agli ottavi in Champions.

Arrivato in extremis, Emiliano Rigoni doveva essere quel qualcosa in più, soprattutto a livello qualitativo che potesse dare estro e fantasia in attacco. Si viene a sapere che il contratto di Emiliano Rigoni presenta diverse clausole mai rese note e sapute solo a mezzo stampa.

La clausola in questione prevede una via d’uscita a gennaio , lo Zenit potrebbe richiamarlo a San Pietroburgo in caso si qualificazione per gli ottavi di finale di Champions League.

Il contratto prevede sì l’obbligo di riscatto alla ventesima giornata, ma con questa clausola, in caso venisse “usata’ Rigoni tornerà allo Zenit già a Gennaio.

Da quanto appreso dal Secolo XIX, c’è anche la possibilità che in caso il giocatore non venisse utilizzato i due club valuteranno congiuntamente come procedere.

La cosa che più fa pensare è come fa un giocatore, seppur professionista, giovane e con ambizione, scendere in campo con serenità con tutti questi vincoli contrattuali? Come mai ai tifosi non è mai stato comunicato niente al momento della sottoscrizione?

Ovviamente ora il giocatore potrà essere utilizzato da Ranieri e tutti speriamo che Rigoni possa giocare e dimostrare quanto valga, anche se le possibilità partita dopo partita si riducono.