Sampdoria-Atalanta al fanta: top e flop

0 a 0 intenso e poco spettacolare quello contro l’Atalanta, che consente comunque ai blucerchiati di muovere un altro piccolo passettino verso la salvezza. Importante sottolineare l’acquisita sbabilità difensiva, confermata anche contro quello che fino a questa giornata era il migliore attacco della Serie A. Evidente però allo stesso tempo la poca pericolosità offensiva, ma per il momento e l’avversario il punto resta comunque prezioso.

SAMPDORIA

Top: Audero: è alla terza porta inviolata consecutiva nelle ultime partite nonostante avversari come Atalanta e Roma. Corre qualche rischio per un’uscita al limite su Muriel nel primo tempo, ma è bravo sulla punizione di Malinowski sul finire della prima frazione. Ordinaria amministrazione nella ripresa dove a parte un paio di prese basse non è mai chiamato in causa.

Ekdal: la vera mente del centrocampo doriano. Non tira mai indietro la gamba e gestisce con efficacia tutti i palloni che passano dai suoi piedi. Fondamentale il suo recupero per dare sostanza ad un centrocampo che spesso era andato in sofferenza anche sul piano fisico

Flop: Ferrari: contiene bene Muriel nel primo tempo lasciandogli poco spazio per incidere. Da matita blu però l’errore che lo costringe a fermare Barrow lanciato a rete e a rischiare di lasciare in 10 i suoi.  In generale la sua intesa con Colley può essere migliorata.

Quagliarella: il bomber ammirato nella scorsa stagione sembra un lontanissimo ricordo. Poco coinvolto in attacco, non fornisce neppure il suo solito apporto di sacrificio alla squadra. Forse le voci sul mancato rinnovo iniziare ad incidere sulle sue prestazioni.

ATALANTA

Top: Djimsiti: partita attenta e concentrata quella dello svizzero, nonostante la Samp si faccia vedere poco dalle parti di Gollini. Padrone delle palle alte, aiuta i suoi anche in fase di impostazione. Concentrato

Pasalic: tra i più brillanti dell’intera formazione bergamasca. Pericoloso dopo pochi minuti quando spedisce sull’esterno della rete, è l’unico in grado di dare qualche cambio di passo alla manovra. La sosta per lui arriva forse nel momento meno opportuno quando finalmente aveva trovato continuità di impiego e rendimento.

Flop: Malinowski: a parte la punizione nel primo tempo, non riesce mai a rendersi realmente pericoloso dalle parti di Audero. Ingenuo nella ripresa a rimediare una doppia ammonizione in una manciata di minuti che poteva compromettere la gara. Tra lui ed Ilicic al momento c’è un abisso.

Muriel: il grande ex della sfida, non mostra mai uno dei suoi classici spunti in velocità, complice una difesa che lascia pochissima profondità alle spalle. Ricorderà questa giornata solo per il caloroso applauso tributatogli al momento della sostituzione.

FantaSampGazzetta: Sampdoria – Atalanta

Reduci dai 3 punti di Ferrara, i bluerchiati affronteranno al Ferraris uno degli avversari più in forma del momento, capace di mettere alle corde il Manchester City di Guardiola nel mercoledì di Champions League

Mister Ranieri potrebbe apportare alcune modifiche allo schieramento tattico visto nelle ultime settimane, inserendo un uomo a supporto delle punte e passando così al 4312.

Alternativa il canonico 442 adottato in precedenza. In entrambi i casi, Quagliarella riprenderà il suo posto al centro dell’attacco dopo il mancato utilizzo di lunedì e a fare coppia con lui uno tra Bonazzoli e Gabbiadini. Il capitano è apparso molto carico in settimana e rimane quindi nella lista dei papabili per il vostro attacco anche se può soffrire la fisicità dei centrali bergamaschi.

In caso di 4312 spazio a Ramirez sulla trequarti, il cui ingresso ha cambiato il volto della squadra nelle ultime partite. Rimane un giocatore che se in giornata può far male a qualunque avversario; per noi è un si. Il rientrante Bertolacci ha voglia di stupire il suo ex allenatore ai tempi del Genoa, ma sia lui che Vieira sono a serio rischio insufficienza. No a Jankto contro Hateboer. Difesa da evitare in blocco. Il solito Depaoli in caso di 442 può portarvi una sufficienza ma poco altro. Audero da cuori forti.

Ottima prestazione degli uomini di Gasperini contro i Citizens, che complici i risultati delle avversarie possono ancora sperare in una storico passaggio del girone.  Il tecnico bergamasco dovrà fare a meno ancora per questo turno del grande ex Duvan Zapata, che nonostante si sia allenato con i compagni pare non verrà rischiato se non nei minuti finali a partita ancora in bilico. Tra gli indisponibili anche Ilicic (squalificato) e probabilmente Gosens che ha lavorato a parte ma spera ancora di recupare.

In attacco spazio al trio Muriel-Gomez-Malinovskiy, tutti consigliati perchè in ottimo stato di forma. Il Papu in particolare è gia a quota 4 gol e 4 assist con una super fantamedia di 8,27 in 11 apparizioni. Impossibile lasciarlo fuori. Con il forfait di Gosens  ci saranno Hateboer e Castagne sulle fasce,con due tra De Roon, Pasalic e Freuler nel mezzo. SI a Toloi dietro, autore di due assist due giornate fa, e a Gollini per la difficoltà blucerchiata a trovare la via della rete.

ANSA: Gabriele Gravina, inviata richiesta per l’utilizzo di 5 sostituzioni a partita.

(ANSA) – ROMA, 5 NOV – Il presidente della Figc Gabriele Gravina, ha annunciato al consiglio federale di oggi di aver inviato all’Ifab (International Football Association Board), ente che stabilisce le regole del calcio, la richiesta di poter applicare anche al campionato di serie A l’utilizzo delle cinque sostituzioni, in luogo di tre, come già avviene nei campionati di Serie C e Serie D.

Spal-Sampdoria al fanta: top e flop

Vittoria dall’incalcolabile valore quella nel posticipo di ieri sera per i blucerchiati, che in un colpo solo eliminano lo zero alla voce punti in trasferta, battono una diretta concorrente ed abbandonano l’ultimo posto in classifica a discapito proprio dei ferraresi.

SAMPDORIA

Top: Caprari: i primi tre punti lontano dal Ferraris portano la sua firma. Entrato al posto di uno stremato Bonazzoli, decide la sfida deviando la spizzata di Ramirez alle spalle di un incolpevole Berisha. Può essere la scossa che serviva alla squadra ma anche a lui per risalire le gerarchie di Ranieri.

De Paoli: bella prova del terzino ex Chievo, che nel ruolo di esterno alto sembra aver trovato la sua collocazione in campo. Tiene botta in una prima frazione in cui la Spal attacca prevalentemente dal suo lato  e trova il tempo anche per rendersi pericoloso da fuori area. Nel secondo tempo è fondamentale a chiudere in scivolata su Moncini di fronte ad Audero e a sradicare a Igor il pallone da cui nasce l’azione del gol.

Flop: Gabbiadini: Salvo una punizione sul finire del primo tempo, non riesce mai a rendersi davvero pericoloso dalle parti di Berisha e la sua intesa con Bonazzoli sembra ancora molto indietro. Ci si aspetta sempre tanto da lui essendo uno degli uomini con più qualità  ma questa volta non incide. Rimandato

Jankto: da mezzala o da esterno non sembra ancora il giocatore che aveva impressionato con la maglia dell’Udinese. Timido, sbaglia molti appoggi elementari ed è spesso messo sotto pressione da Strefezza. Esce per un fastidio muscolare ed il suo sostituto in una ventina di minuti mette più cross che lui in 70’.

SPAL

Top: Kurtic: primo tempo di grande intensità e qualità per lo sloveno, tra i più intraprendenti con sovrapposizioni e conclusioni da fuori. E’ l’ultimo a mollare anche nella ripresa, dove nel finale pennella un gran traversone per la testa di Petagna che l’attaccante spallino spreca.

Reca: per 50’ è imprendibile sulla fascia e mette in seria difficoltà De Paoli chiamando anche Audero alla risposta in un paio di circostanze. Cala vistosamente nella ripresa ma rimane una scommessa su cui in leghe numerose potete fare un pensiero.

Flop: Igor: partita di ordinaria amministrazione per il brasiliano, schierato centrale al posto di Cionek, fino al 91esimo quando si fa soffiare il pallone da De Paoli per il gol che decide l’incontro. Errore da matita blu che costa alla sua squadra l’ultima piazza in campionato.

Moncini: prova incolore dell’attaccante schierato a sorpresa al posto di Floccari e Paloschi. In un primo tempo positivo per i suoi non riesce mai a trovare la posizione in campo e a rendersi utile alla squadra. Non è reattivo e si vede anticipare all’ultimo secondo nella ripresa quando già pregustava la gioia della rete.

FantaSampGazzetta: Spal-Sampdoria

Al Paolo Mazza di Ferrara andrà in scena l’ennesima sfida da dentro o fuori per la squadra di Ranieri, che dopo il pareggio in extremis con il Lecce cerca punti importanti contro i padroni di casa che precedono proprio i blucerchiati in classifica.

Poche certezze e tanti dubbi per la formazione doriana a partire dal modulo, nonostante si vada verso la riconferma del 442 visto nelle ultime giornate. Ultima chiamata per Quagliarella, che nonostante il periodo di appannamento rimane consigliato anche in memoria del +6 della passata stagione. Recuperato Gabbiadini che si contende una maglia da titolare con Bonazzoli a fianco del capitano. Duello Rigoni-De Paoli per l’out di destra con l’argentino che cerca continuità dopo il +1 di mercoledi. Si con ma non come prima scelta a Vieira nonostante stia acquistando fiducia e minuti. Ekdal da buon voto e poco più. Difesa che è andata in sofferenza con un avversario sulla carta più alla portata del prossimo; pensate ad altro. Audero con  malus dietro l’angolo.

Dopo la sconfitta con il Milan, mister Semplici sembra orientato a riproporre il canonico 352 e spera nel recupero in extremis di Di Francesco (difficile). Da schierare Petagna, autore già di tre gol in questa stagione e vera e propria rivelazione dello scorso anno. Per il ruolo di suo partner offensivo è duello PaloschiFloccari con il secondo al momento avanti. Semaforo verde per Kurtic dopo il gol all’ultima contro il Napoli e la magia su punizione dello scorso anno. Jolly di giornata Strefezza che si è conquistato una maglia da titolare e per di più ha il vizio dell’assist. Più Vicari di un Cionek propenso al cartellino giallo. Schierabile Berisha ma c’è di meglio.

Sampdoria-Lecce al fanta: top e flop

Altra brutta prestazione per la squadra di Ranieri, che esce tra i fischi di Marassi nonostante il pareggio riacciuffato nei minuti di recupero grazie alla zuccata di Ramirez

SAMPDORIA
Top
Ramirez: molto difficile trovare un blucerchiato che meriti menzione. Scegliamo l’uruguaiano solo per il gol segnato che vale comunque un punto, sperando che contribuisca a dare una scossa già dalla trasferta di Ferrara con la Spal. Può trovare spazio nelle prossime partite se il mister decidesse di passare stabilmente al 4312
Bonazzoli: schierato a sorpresa dopo i problemi fisici di Gabbiadini nell’ultima rifinitura, e’ sicuramente il blucerchiato che impegna maggiormente il portiere ospite. Ha il pallone del vantaggio dopo appena due giri di lancette ma calcia addosso a Gabriel. Ci riprova pochi minuti dopo con una bella deviazione volante chiamando il il portiere ex Milan alla grande parata. Esce nell’ultimo quarto di gara dopo aver finito la benzina.
Flop
Quagliarella: doveva essere la serata del suo ritorno al gol; si trasforma nell’ennesima prestazione sottotono dove nemmeno la sua solita generosità è abbastanza. Non viene sicuramente servito al meglio dai compagni ma da uno come lui ci si aspetta qualcosa di più. Fallisce nel finale una buona occasione spedendo a lato di testa.
Ferrari: anche lui in campo all’ultimo al posto di Murillo, concede troppa libertà a Shakhov nello scambiare e servire Lapadula solo davanti ad Audero. Viene graziato dal var che corregge la decisione di Massa sulla sua deviazione di petto a pochi centimetri dalla linea di porta. In generale scarsa la sua intesa con l’altro centrale Colley. Insicuro

LECCE
Top
Falco: in assenza di Mancosu e Farias è lui il regista offensivo dei suoi ed interpreta il ruolo alla perfezione risultando per distacco il migliore tra i salentini. Solo Audero gli nega a gioia del gol deviando sulla traversa la sua conclusione nel primo tempo. Cala alla distanza dopo più di un’ora di grande intensità. Ispirato
Lapadula: preferito all’ultimo a Babacar, fornisce una prestazione di cuore e sostanza impreziosita dalla rete dello 0 a 1, dove scambia alla grande con Shakhov e fredda Audero in uscita. Dimostra di sentire la partita facendo a sportellate con la coppia di centrali doriana e risultando spesso vincitore. Ritrovato
Lucioni: capitano e punto di riferimento della retroguardia giallorossa, infonde sicurezza e personalità alla squadra (proprio quello che manca dall’altra parte) ed è fondamentale nell’immolarsi su Quagliarella nel finale di partita. Bissa la gara contro la Juve con la seconda prestazione consecutiva da 7 in pagella.
Flop
Tachtsidis: Gioca una partita ordinata e precisa sia in fase di interdizione che di costruzione del gioco ed è sfortunato nel vedersi respingere da Ferrari il suo colpo di testa a pochi passi dal gol. Commette però un’ingenuità che costa cara sgambettando Rigoni e lasciando i suoi compagni in inferiorità numerica nel finale.

FantaSampGazzetta: Sampdoria-Lecce

Partita da dentro o fuori quella di mercoledì per i blucerchiati, che dopo la sconfitta di Bologna devono necessariamente tornare a far punti per non perdere contatto dalle rivali in lotta per la salvezza.

Nonostante l’opaca prestazione di domenica, mister Ranieri non sembra intenzionato a rivoluzionare la formazione scesa in campo al Dall’Ara confermando modulo e interpreti.

In partite del genere non si può lasciare fuori Quagliarella, che da capitano ha il compito di dare la scossa ai suoi e che già domenica non ha sfruttato un paio di chance per colpire.

Merita la riconferma Gabbiadini, unico realmente pericoloso tra i blucerchiati al di là del gol e mattatore dell’unica vittoria sin qui in campionato. Possibile sopresa di giornata Rigoni in cerca di riscatto. In mediana spazio a Ronaldo Vieira,  il migliore con il Bologna e che può bissare il +1 appena archiviato, al cui fianco probabile il ritorno di Ekdal (mister sufficienza) per dare un turno di riposo a Bertolacci.

Si a Jankto per un bonus inaspettato. Turno sulla carta alla portata per la retroguardia: meglio Colley e Murru di Murillo e Bereszynski. Rischiate Depaoli se siete coperti perchè la nuova posizione ingolosisce. Si ad Audero.

Da non sottovalutare Il Lecce di Liverani, squadra ben messa in campo e capace di fermare la Juventus sull’1 a 1 nell’ultimo turno.

Impossibile lasciare fuori Mancosu, vero protagonista del campionato sin qui sorprendente dei salentini con 5 gol (4 su rigore) e che riprenderà il suo posto sulla trequarti. In attacco dubbio Babacar/Lapadula con il primo favorito anche se l’ex Genoa e Milan ci proverà fino all’ultimo. Turno di riposo per Farias che ieri non si è allenato con i compagni: spazio a Falco. Difesa nel complesso da evitare; Il solo Calderoni è schierabile se non avete di meglio. Gabriel in odore di malus.

Bologna-Sampdoria al fanta: top e flop

Partita bloccata quella del Dall’Ara, dove i blucerchiati giocano un discreto secondo tempo ma tornano a casa a mani vuote  grazie al secondo gol in campionato di Bani.

SAMPDORIA

Top: Vieira: Nel primo tempo è il migliore dei suoi. Da’ sostanza al centrocampo blucerchiato ed è fondamentale nel primi 45′ salvando quasi sulla linea di porta il tiro di Dzemaili. Si conferma nella ripresa dove è anche più libero di spingersi in avanti e da un suo break arriva l’assist per l’ 1 a 1 di Gabbiadini. Pimpante

Gabbiadini: in una prima frazione dove sbaglia qualche appoggio di troppo, riesce comunque a rendersi pericolo con la zampata che si stampa sul palo a Skorupski battuto. Non sembra la sua giornata quando ostacola, secondo la lettura del direttore di gara, i difensori rossoblu’ sul gol del pareggio annullato. Si riscatta tirando fuori dal cilndro un gol dei suoi che riequilibra momentaneamente la gara.

Flop: Murillo: si fa scherzare da Palacio per tutti i 90 minuti. Lento, impreciso, spesso fuori tempo ed in evidente difficoltà fisica, sta facendo rimpiangere in questo inizio di stagione l’importante sforzo economico fatto per lui in estate. Auspicabile che Ranieri faccia altre scelte nelle prossime giornate

Bereszynski: conferma il trend negativo intrapreso ormai dalla seconda metà dello scorso campionato. Va sempre in difficoltà nell’1 contro 1 con Sansone e si fa anticipare da Palacio nell’occasione dell’1 a 0. Sbaglia la scelta quando si ritrova un pallone buono in area di rigore avversaria ma preferisce cercare Quagliarella piuttosto che provare la conclusione.

BOLOGNA

Top:  Palacio:  vedendo la prestazione di oggi si va fatica a credere che la carta d’identità dica 37 primavere. Regge da solo l’attacco felsineo facendo ammattire la coppia Colley-Murillo e si toglie la soddisfazione di segnare il 5 gol in carriera contro la Samp. In un finale in cui molti  sono a terra con i crampi, lui è ancora il più freso di tutti i ventidue in campo. Esempio

Bani: annulla assieme al compagno di reparto Quagliarella giocando spesso sull’anticipo ed è importante nell’opporsi alla conclusione di Jankto nel primo tempo. Non contento, risolve la gara anticipando Murru sulla spizzata di M’baye per il definitivo 2 a 1. Domenica perfetta

Flop:  Skov Olsen: occasione persa per il giovane danese, strappato anche ai blucerchiati in estate e proposto nel tridente offensivo al posto di Orsolini. Cerca spesso la giocata senza mai trovarla e non crea particolari grattacapi a Murru. Da possibile sorpresa di questa stagione al fantacalcio a giocatore acerbo non ancora pronto il passo sembra essere stato davvero breve.

Orsolini: Poteva essere la sua giornata ma non fa meglio del compagno di reparto a cui è subentrato. Da un suo errore in disimpegno nasce l’1 a 1 di Gabbiadini e non è preciso sul cross di Sansone spedendo oltre la traversa da buona posizione. Rimandato

FantaSampGazzetta! 9a giornata, Bologna-Sampdoria

Torna FantaSampGazzetta, la rubrica di fantacalcio che ogni settimana analizza I giocatori più interessanti per la vostra fantarosa. In questo secondo appuntamento ci concentreremo su Bologna-Sampdoria, sfida valida per la 9a giornata del girone d’andata.

Reduci da un buon punto e da una prestazione finalmente convincente contro la Roma, I blucerchiati saranno ospiti al Dall’Ara del grande ex Sinisa Mihajlovic, visto in Liguria sia da calciatore che più recentemente da allenatore dal 2013 al 2015. La mano del nuovo allenatore Ranieri è sembrata già piuttosto evidente domenica contro I giallorossi, dove la squadra è apparsa in crescita sotto il profilo sia tattico che caratteriale. Il nuovo modulo pare aver dato maggiore sicurezza al reparto arretrato, nonostante manchi ancora qualcosa dal punto di vista della manovra offensiva.

Inamovibile ed in cerca del secondo gol stagionale Quagliarella, che lo scorso anno a Marassi partecipò al 4 a 1 finale con una doppietta. Al suo fianco è bagarre tra Gabbiadini, Bonazzoli, Caprari e Rigoni, con I primi due favoriti sull’ex Pescara e sull’argentino apparso generoso ma poco incisivo nel ruolo di esterno di centrocampo. Gabbiadini in particolare può regalarvi qualche gioia anche a partita in corso da calcio piazzato e ha nel Bologna la sua vittima preferita in serie A. Sorprendente in positivo la prova di Bertolacci, apparso subito in forma nonostante I pochi allenamenti nelle gambe e che quindi può essere riconfermato. In leghe numerose può diventare un nome buono da ultimi slot, data la sua praticamente certa presenza tra gli svincolati. Schierabile Jankto anche se non prima scelta. Linea difensiva che può andare in difficoltà contro la velocità degli attaccanti rossoblu; scegliete altro. Tra I pochi interessanti Depaoli se sarà recuperato e confermato nel ruolo di esterno alto. Audero da buon voto ma con malus dietro l’angolo.

Periodo complicato per gli emiliani, che dopo la rocambolesca vittoria di Brescia hanno raccolto solo 2 punti nelle ultime 5 giornate nonostante alcune prestazioni positive. A guidare l’attacco dovrebbe essere nuovamente Palacio, la cui esperienza può essere determinante ai fini del risultato finale. Consigliati Sansone e soprattutto Orsolini, che in casa ha partecipato a quasi tutti I gol dei suoi. Possibile sorprese Soriano e Poli, pronti a colpire da ex dopo un avvio a rilento. Difesa che vedrà  le pensanti assenze di Tomiyasu e probabilmente Dijks. Spazio a Danilo che proverà  a bissare il gol allo Stadium contro la Juventus. Attenzione a Skorupski! Dopo alcune prestazioni poco brillanti, il portiere polacco vede insidiato il proprio posto tra I pali dal brasiliano Da Costa. Rischioso.

Arriva Fantasamp, il fantacalcio a tinte blucerchiate! Oggi Samp-Roma.

Ciao a tutti, mi chiamo Gianluca e a partire da questa settimana mi occuperò di una rubrica che tratta di uno dei passatempi più amati dai tifosi italiani di ogni età: il fantacalcio. Per ogni giornata di campionato infatti, andremo ad analizzare assieme quali sono i giocatori più interessanti da schierare tra i blucerchiati e gli avversari che si succederanno di volta in volta.

Il prossimo turno di campionato vede l’arrivo al Ferraris della Roma in una sfida dal sapore particolare per il neo tecnico doriano Ranieri, allenatore proprio dei giallorossi dal 2009 al 2011 e dal marzo dello scorso anno fino al termine della stagione. Dopo aver diretto martedì il primo allenamento, il tecnico  campione di Inghilterra con il Leicester sembra indirizzato a schierare un 442 che dia più solidità difensiva rispetto alle scorse uscite e maggiore imprevedibilità nelle ripartenze. L’aternativa più plausibile al momento è il 4312 con l’inserimento di uno tra Caprari e Ramirez a ridosso delle due punte.

Indipendemente dal modulo, imprescindibile sarà come sempre Quagliarella, che va schierato nonostate il momento no perchè rigorista e perchè sa come esaltarsi davanti al proprio pubblico.  Regna l’incertezza al momento per quanto riguarda il suo parter d’attacco; Gabbiadini sembra recuperato dalle noie muscolari dell’ultimo periodo e parte favorito su Rigoni, che se retrocesso esterno di centrocampo perde molta appetibilità.

Della mediana blucerchiata pochi al momento hanno dimostrato di meritare una chance: Ekdal può portarvi in dote una sufficienza, mentre Jankto ha mostrato sin qui pochi alti e molti bassi. Difesa da evitare; se siete in emergenza, meglio i centrali (Colley in particolare) che i terzini. Scommessa di questo turno Audero, che date le pesanti assenze romaniste può puntare al secondo clean sheet della stagione.

Roma falcidiata dagli infortuni quella che si presenterà in campo domenica, quando mancheranno Mkhitaryan e molto probabilmente  Dzeko oltre ai lungodegenti Under, Pellegrini, Diawara e Zappacosta. Notizia positiva per Fonseca il ritorno in gruppo in settimana dell’ex genoano Perotti, che tuttavia dovrebbe partire dalla panchina.

Impossibile lasciare fuori Kolarov, già autore di 3 gol e 1 assist in questo inizio di stagione. Interessanti i due esterni offensivi Zaniolo e Kluivert, che possono mettere in difficoltà dal punto di vista tecnico Bereszynski e Murru. Possibile il rilancio di Pastore sulla trequarti con alternativa Florenzi avanzato nei tre alle spalle di Kalinic. In difesa è lotta a tre per due posti tra Fazio, Mancini e Smalling. Schierabile Pau Lopez ma tenendo presente che la Roma dietro spesso concede.

Ricordo inoltre di seguire da vicino i nostri aggiornamenti sul possibile rinvio della partita, che in molte leghe significherebbe 6 politico a tutti i giocatori.